Gasperini: “Non ho dato un bell’esempio, chiedo scusa a tutti”

Pubblicato il autore: Walther Bertarini Segui


All’indomani di Sampdoria-Atalanta, Giampiero Gasperini ha voluto scusarsi in merito al gesto di ieri dove lui stesso avrebbe spinto il segretario generale della Sampdoria Ienca  dopo l’espulsione durante la partita  quando era stato assegnato il calcio di rigore per i blucerchiati. Ieri interpellato in conferenza stampa riguardo al fatto accaduto il tecnico di Grugliasco aveva dichiarato che il segretario generale aveva fatto una sceneggiata sottolineando il passato genoano salvo poi oggi correggere il tiro.

potrebbe interessarti ancheMilan, Paquetà carta vincente per Gattuso? Contro la Sampdoria si può cambiare

Sul sito dell’Atalanta Gasperini si è detto profondamente rammaricato del comportamento. Ecco le sue parole: “Non sono orgoglioso del comportamento dato alla società, ai giocatori e a tutti i tifosi di calcio. Sono molto dispiaciuto per quanto accaduto  a Genova, per tutte le polemiche che ne sono derivate e che hanno fatto passare in secondo piano l’importante risultato positivo raggiunto dopo una partita coinvolgente disputata a grandi livelli da entrambe le squadre.” Con queste dichiarazioni Gasperini ha voluto chiedere umilmente scusa a tutta la nazione. Certo il comportamento non è passato inosservato e la procura federale ha aperto un’inchiesta in merito alla vicenda di ieri; soprattutto perchè ha rovinato una giornata di sport con la presenza di numerose famiglie che hanno assistito a un bello spettacolo tra due squadre che hanno tentato di superarsi in ogni momento. Come nel calcio e nella vita l’importante è ammettere di aver sbagliato.

potrebbe interessarti ancheSampdoria, Quagliarella: “Vialli? Non so nulla”

notizie sul temaSampdoria, parla Mantovani: “Vialli? Qualcosa bolle in pentola”Juventus al comando a +15 sul Napoli: la situazione dopo 28 giornateSassuolo-Sampdoria streaming gratis e diretta tv Sky, Serie A oggi dalle 15.00
  •   
  •  
  •  
  •