La Juventus si coccola il suo Paulo Dybala

Pubblicato il autore: Damiano Cancedda Segui

Paulo Dybala e la Juventus, una storia d’amore scricchiolante che riprende a vivere di passione. Passione bianconera, rinata a suon di prestazioni convincenti e magie che valgono il prezzo del biglietto in ogni gara. la ‘Joya’ gioisce insieme ai compagni d’attacco, con la quale sembra trovarsi a meraviglia, qualsiasi esso sia. Con Higuain per esempio si è rinvigorito un feeling che sembra decisamente migliorato rispetto alla scorsa esperienza (2016 – 2018): lo scambio di triangolazioni che ha portato al gol del Pipita ieri contro l’Udinese negli ottavi di Coppa Italia è l’esempio fulgido di una partnership tecnica con pochi eguali in Europa. Lui stesso ha timbrato con una doppietta che lascia il segno prepotentemente. Il gol del tre a zero ricordaa le magie dell’idolo bianconero Alessandro Del Piero, che non ha di certo tardato a dirglielo con un tweet inequivocabile: “Bello fare gol così, eh?”. Come dargli torto, una perla rara, un mancino nel sette, a giro, alla Del Piero.

Paulo Dybala, leader futuro della Vecchia Signora?

August 14, 2019, Villar Perosa, Piedmont/Turin, Italy: Paulo Dybala Of Juventus FC in action during the Pre-Season Friendly match between Juventus FC and Juventus U21. Juventus FC won 3-1 on August 14, 2019 at Campo Sportivo in Villar Perosa, Italy. (Credit Image: © Alberto Gandolfo/Pacific Press via ZUMA Wire)

Vederlo con la fascia da capitano ieri allo Juventus Stadium è stata senza dubbio una bel vedere. Con i vari Buffon, Chiellini, Bonucci e Ronaldo fuori, la ‘Joya’ ha indossato la fascia col carisma richiesto per ricoprire tale mansione. A dir la verità non una prima volta per lui, capitò già il 16 Aprile scorso in Champions League contro l’Ajax di De Ligt. Fu una giornata amara per la storia recente juventina, ma in un certo senso memorabile per la sua carriera. Ieri invece a mani basse è stato il miglior in campo, raggiungendo la 150esima vittoria con la maglia del club dall’esordio del 2015. Nessuno meglio di lui in un lasso di tempo così breve. Dietro di lui altre due colonne bianconere, Bonucci (139 vittorie) e Pjanic (136 vittorie).

potrebbe interessarti ancheViva la Juventus che non si adatta piú all’avversario

In vista per lui c’è un futuro da leader vero. Dopo la scorsa non esaltante stagione, sembrava essersi perso qualcosa per strada tra il club e Dybala. La cessione sembrava la soluzione migliore per lui nell’ultima sessione estiva di mercato. La convivenza con lo strapotere di Ronaldo sembrava impossibile. O forse questo era quello che pensava l’ex allenatore bianconero, Massimiliano Allegri. Un Dybala incupito sembrava prossimo alla partenza. La mano di Sarri è servita  a riaccendere in lui la voglia di Juve e di juventinità. Non c’è Ronaldo che tenga, Paulo vuole essere un leader, ora e in futuro.

potrebbe interessarti ancheJuventus più bella senza Cristiano Ronaldo, Dybala-Higuain strepitosi

Una seconda parte di stagione da rendere speciale

Ora per Paulo Dybala e la Juve comincia il periodo delle vere sfide, quelle che portano alle vittorie dei trofei che contano. Dopo aver perduto la Supercoppa Italiana per mano della bestia nera per eccellenza di stagione, la Lazio, la Juve non vuole farsi sfuggire nient’altro. Balzata in vetta in serie A, raggiunti i quarti di finale di Coppa Italia, la testa non fa altro che pensare alla Champions League. Manca un po’ di tempo alla sfida degli ottavi contro il Lione, ma non si può fallire una chance così ghiotta di passare il turno in scioltezza, senza troppi patemi. Dybala cercherà di essere un protagonista, proseguendo, si spera, la scia di buone prestazioni che contraddistinguono finora la sua grande stagione. Serviranno i suoi gol, i suoi assist e tutta la sua ‘Joya’ per una juventinità ritrovata e da tenere stretta.

notizie sul temaPjaca-Cagliari, è fatta: visite mediche per il croatoNapoli – Juventus probabili formazioni: Demme dal 1′, out Mertens. Dybala in vantaggio su HiguainNapoli – Juventus diretta tv e streaming, dove vedere il match 26 gennaio
  •   
  •  
  •  
  •