Pagelle Fiorentina – Bologna, i voti dei viola. Chiesa protagonista

Pubblicato il autore: Paolo Mugnai Segui

potrebbe interessarti ancheBologna, Fenucci risponde a Donadoni e punge Saputo

Alla quarta giornata di campionato, la Fiorentina supera di misura in casa il Bologna. Dopo un primo tempo con poche emozioni, nella ripresa nel giro di un minuto al gran gol di Chiesa risponde subito Palacio. Decide il colpo di testa di Pezzella. Di seguito il mio giudizio sui viola.

potrebbe interessarti ancheBologna ancora Donadoni: “Non sono tornato per rispetto”

SPORTIELLO 6 – Non ha colpe sul gol e sarebbe battuto sul palo di Palacio. Rischia a volte qualche appoggio sui compagni pressati dagli avversari.
GASPAR 6,5 – Prende sempre più confidenza con la parte alta della fascia destra, confermando quanto di buono aveva già mostrato nelle ultime partite. Quelle poche emozioni del primo tempo sembrano partire sempre dalla sua capacità di saltare l’uomo e crossare al centro.
ASTORI 5,5 – Nella ripresa si fa superare dal ‘vecchio’ Palacio per il pareggio bolognese. Pur reclamando per la spinta dell’attaccante, l’impressione è che se lo sia fatto sfuggire. Una sola paura nel primo tempo quando il solito Palacio trova un varco libero nel centro della difesa viola e su questo forse qualche responsabilità è anche del capitano viola.
PEZZELLA 6,5 – Festeggia nel migliore dei modi la prima convocazione nella Nazionale Argentina, segnando il primo gol in maglia viola davanti alla curva Fiesole e con spettatore in tribuna il connazionale Daniel Passarella. Nelle difficoltà della difesa viola qualche responsabilità forse è anche sua.
BIRAGHI 6 – L’incaricato dei calci da fermo insieme a Veretout, sulla fascia sinistra ci mette volontà e sostanza, non sempre precisione.
BADELJ 6 – Nel compassato primo tempo forse servirebbe qualche sua apertura per ravvivare lo spento gioco viola, ma non arriva. Ammonito.
VERETOUT 6 – Angoli, punizioni e tiri da fuori sono i suoi compiti, lascia sempre nel tifoso la speranza della ‘botta’ vincente.
CHIESA 7 – Il gol del vantaggio viola è da antologia per la preparazione e la conclusione e ricorda tanto quelli del padre. Ci prova sempre, con le caratteristiche discese travolgenti sulla sinistra per poi accentrarsi e tirare in porta.
Dal 37′ del secondo tempo EYSSERIC – non giudicabile.
BENASSI 5 – Dei tre dietro a Simeone è il meno ispirato, stavolta con meno mobilità rispetto alla trasferta di Verona, così Pioli lo sostituisce a inizio ripresa.
Dal 1′ del secondo tempo GIL DIAS 6,5 –  Rispetto a Benassi, da parte sua c’è più mobilità. Lo si vede subito, quando conquista con tenacia un calcio d’angolo, e nelle sovrapposizioni con Gaspar per una fascia destra tutta portoghese.
THEREAU 5,5 – Suo un colpo di testa, centrale nel primo tempo. Ha il merito di conquistare l’angolo da cui nasce il colpo di testa vincente di Pezzella.
Dal 33′ del secondo tempo VITOR HUGO – Una scelta in più per Pioli per una difesa che, nonostante il successo, traballa troppo di fronte a Palacio.
SIMEONE 6 – D’accordo, è poco servito, ma anche lui sembra in giornata poco positiva, perlomeno fino a una spettacolare rovesciata nella ripresa che, qualche metro più a sinistra, avrebbe regalato il 3 a 1. Per il cholito, comunque, un passo indietro rispetto alla rete di Verona che sembrava avergli dato più fiducia e morale.
All. PIOLI 6 – Giusta la sostituzione di Benassi con Gil Dias. L’inserimento di Vitor Hugo è un atto di prudenza e un attestato di fiducia verso il giocatore.

notizie sul temaBologna, parla Donadoni: “Non è stata tutta colpa mia”Fiorentina, Lafont para le polemiche: porta viola blindata con il Donnarumma franceseAlberto Malusci su SuperNews:”Lafont è un portiere di grande prospettiva. Europa League? Sono ottimista ma temo l’Atalanta”
  •   
  •  
  •  
  •