Zanardi, comunicato del San Raffaele: “Sarà trasferito a Padova”

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui


Arrivano importanti novità dal San Raffaele di Milano, dove è ricoverato da molte settimane Alex Zanardi, atleta paralimpico 54enne. È stata rilasciata una nota da parte del nosocomio milanese in cui viene annunciato che “Alex Zanardi è stato trasferito oggi all’ospedale di Padova“. Una scelta dettata dalla sua stabilità nelle condizioni di salute e per questioni logistiche: “Il paziente ha raggiunto una condizione fisica e neurologica di generale stabilità che ha consentito il trasferimento ad altra struttura ospedaliera dotata di tutte le specialità cliniche necessarie e il conseguente avvicinamento al domicilio familiare“. Una notizia che continua a portare speranza nei fan di Iron-Man, da sempre considerato esempio di vita per la sua grinta e forza nel rialzarsi ad ogni difficoltà, come dimostra la Regola dei 5 secondi.

Leggi anche:  L'agente di Nibali smentisce i contatti con l'Ineos

Il percorso di Zanardi al San Raffaele di Milano

Il quattro volte medaglia d’oro ai giochi paralimpici lotta per la sua vita dal 19 giugno, giorno in cui ha subito un grave incidente durante la staffetta di “obiettivo 3”, andando a sbattere contro la ruota anteriore di un tir. La nota dell’ospedale milanese ricorda come Zanardi fosse arrivato il 24 luglio “in condizione di grave instabilità neurologica e sistemica, ha affrontato dapprima un periodo di rianimazione intensiva, quindi un percorso chirurgico, in primo luogo per risolvere le complicanze tardive dovute al trauma primitivo e in seguito per la ricostruzione facciale e cranica“.

Il comunicato diffuso dal San Raffaele si conclude con il riassunto di questi due mesi e con un augurio che Zanardi possa tornare al più presto tra le braccia dei suoi familiari: “Negli ultimi due mesi, ha potuto intraprendere anche un percorso di riabilitazione fisica e cognitiva – avvertono i medici – Ad Alex e alla sua famiglia tutto l’ospedale augura un futuro di progressivo miglioramento clinico“.

  •   
  •  
  •  
  •