Seth Rollins senza peli sulla lingua: “Lo odio, non mi piace”

Pubblicato il autore: Emanuela Francini Segui


Da pochi giorni si è concluso Wrestlemania Backlash, il primo pay-per-views post Wrestlemania. Molti i match che hanno regalato emozioni, come la vittoria di Rey Mysterio e Dominik del titolo tag team di Smackdown. Tra gli scontri più attesi c’era anche quello tra Cesaro e Roman Reigns per il WWE Universal Championship. Cesaro ha perso in maniera brutale contro il campione in carica. Dopo l’incontro, però, c’è stato un imprevisto. Seth Rollins ha pensato bene di non far terminare la sofferenza del lottatore svizzero, colpendolo al braccio infortunato con la sedia. Molti si sono chiesti del motivo di tale gesto e Seth ha spiegato il perché.

Seth Rollins: “è cambiato”

Un colpo basso quello del wrestler statunitense che, nella puntata WWE THE BUMP, ha spiegato il motivo di tale gesto. Un gesto che parte da dietro, con un odio covato da anni: “L’uomo ottiene ciò che si merita e Cesaro ha imbrogliato per battermi in due occasioni. Una volta è accaduto a Wrestlemania 37 e in un’altra occasione a Friday Night Smackdown quando ha approfittato dell’aiuto degli Usos. Cesaro afferma di essere alto e potente, di essere un professionista e grande atleta ma la verità è che senza l’intervento degli Usos lui non avrebbe avuto un match per il titolo a Wrestlemania Backlash“.

Leggi anche:  Pallanuoto femminile, World League Super Final: debutti vincenti per Ungheria, Canada, Spagna e USA

Non contento rincara la dose: “Quindi Cesaro sale sul ring e pretende il match classico con Roman Reigns che lo distrugge. Non riesce a portare a termine il suo lavoro e io l’ho aiutato a far capire alcune cose. Non mi piace Cesaro. Torniamo indietro di anni. Non è la stessa persona che conoscevo tempo addietro. E’ cambiato ed è per questo che l’ho aggredito al braccio. Spero che gli arrivi questo messaggio. Prima non lo capiva e se la cavava quasi sempre ma per lui è arrivato il momento di comprendere che il suo tempo è terminato“.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: