Zanardi, come sta dopo il tragico incidente

Pubblicato il autore: Emanuela Francini Segui

Zanardi
Nonostante sia passato quasi un anno da quel tragico incidente che visto coinvolto Alex Zanardi, i tifosi continuano a stargli accanto. L’ex pilota Formula 1 si è andato a schiantare, il 19 giugno 2020, contro un tir sulla statale che porta a Pienza, in provincia di Siena. Immediati i soccorsi, con Iron Man che ha dovuto subire una serie di interventi e trasferimenti in molte strutture. Attualmente si trova ricoverato a Vicenza, dove sta continuando la fase riabilitativa. Sarà un percorso lungo, ma tutti sono fiduciosi che Alex ce la farà.

Alex Zanardi non molla

Sappiamo tutti la storia di Zanardi, esempio di vita e tenacia. Non ha mai mollato una battaglia, nemmeno quando il 15 settembre 2001 ha dovuto subire l’amputazione delle gambe. La cronaca riporta che subì 7 arresti cardiaci, 15 operazioni, 4 giorni di coma farmacologico indotto e solo dopo il lungo calvario della riabilitazione. Il 19 giugno ancora un terribile incidente, in sella alla sua fedele handbike. Il quattro volte medaglia d’oro sta attraversando la fase riabilitativa e, come confermato anche dal figlio Niccolò, è cosciente. La fase è ancora lunga e i suoi familiari sono consapevoli che non è finita qui. “Nessuno sa dirci cosa potrà tornare a fare”, la descrizione recente fatta dal figlio del pilota dopo l’incidente in handbike. Siamo tutti fiduciosi, però, che Alex ce la farà e ci mostrerà ancora come si vincono le battaglie a testa alta.

Leggi anche:  Pallamano - Barcellona da favola: decima Champions League con l'en plein di vittorie

Sul fronte giudiziario la famiglia continua ad andare avanti, presentando una richiesta avanti al Gip di continuare con accertamenti. La richiesta è stata accolta e ora bisognerà rivedere meglio la perizia della Procura. Quest’ultima che aveva chiesto poco tempo fa l’archiviazione per l’autista del tir che ha investito Zanardi. La famiglia del pilota si è opposta a questa richiesta, ribadendo la sua responsabilità. Certamente sarà un cammino lungo anche per il lato giudiziario della vicenda.

  •   
  •  
  •  
  •