Aggiornamenti su Alex Zanardi: come sta il campione paralimpico?

Pubblicato il autore: Emanuela Francini

I tifosi continuano a tenere sott’occhio la situazione di Alex Zanardi. La sua storia, costernata di alti e bassi, da sempre è stata un modello di ispirazione, per la resilienza e la forza messa nella rinascita. Con queste due caratteristiche, Iron Man, è riuscito ad arrivare a vette ancora più alte. Purtroppo però, il 19 giugno 2020, Alex è tornato sulla terra, subendo un grave incidente mentre percorreva la statale per Pienza, andando a sbattere contro un tir. I soccorsi sono stati istantanei e questi gli hanno permesso di restare in vita. Dopo un lungo iter ospedaliero, il noto atleta è tornato nella sua casa per il Natale appena trascorso. Tutto il mese di gennaio, invece, lo ha passato in un centro riabilitativo a Ravenna.

Alex Zanardi nel centro iperbarico

Secondo quanto si apprende dalle notizie, Zanardi, continua ad avere ottimi risultati, tanto da aver finito il primo ciclo riabilitativo nel centro iperbarico. Lo stesso direttore del centro, Pasquale Longobardi lo ha affermato in passato: “Posso dire che di certo Alessandro è una persona con una carica immensa: l’ha trasmessa lui a me. Si è presentato qui con una grande voglia di lavorare“.

Leggi anche:  Slalom gigante Killington 2022, dove vedere sci alpino femminile LIVE oggi: diretta TV, orario e start list

Il dottore ha poi continuato: “Si tratta di una procedura medica più efficiente della normale fisioterapia. Il paziente viene stimolato con una miscela di ossigeno ed elio mentre svolge gli esercizi“. Come confermato dal Dottor Pasquale Longobardi, Alex ha ottenuto degli ottimi risultati, senza però entrare nello specifico.

Il centro non è la prima volta che viene utilizzato da atleti, anzi ha una fama internazionale. Prendiamo in esempio il campione di motociclismo Michael Doohan che nel 1992 era stato salvato dall’amputazione dopo un terribile incidente avvenuto sul circuito di Assen. E anche Valentino Rossi nel 2010 è stato paziente del centro: tornò in pista 40 giorni dopo l’incidente al Mugello che gli costò la frattura di tibia e perone alla gamba destra.

  •   
  •  
  •  
  •