Lichtsteiner intervista: “Non ci importa delle altre, corsa su noi stessi”

Pubblicato il autore: Edoardo Evangelista Segui

Foto Daniele Badolato / LaPresse02 10 2013 Torino ( Italia )Sport CalcioJuventus - GalatasarayChampions League 2013 2014 - Fase a gironiNella foto: Stephan LichtsteinerPhoto Daniele Badolato / LaPresse02 10 2013 Torino ( Italy )Sport SoccerJuventus - GalatasarayChampions League 2013 2014 Group Stage Matchday2In the picture: Stephan Lichtsteiner

Lichtsteiner intervista: “Vincere a Carpi perché siamo ancora indietro in classifica”. 
Stephan Lichtsteiner si è concesso ai microfoni di Sky Sport e Sport Mediaset per una breve intervista nella quale ha tirato le somme del momento attuale vissuto dai bianconeri. A Vinovo si respirano grande entusiasmo per il doppio, convincente successo contro Fiorentina e Torino e massima concentrazione per la delicata trasferta di Carpi. “Quella di Modena – osserva il nazionale svizzero proiettandosi sulla partita in programma al Braglia di Modena dalle 12.30 di domenica 20 dicembresarà una partita da preparare come tutte le altre. Certo, l’orario non ci aiuta, visto che siamo abituati a giocare di sera, ma non dobbiamo perdere punti, perché siamo ancora indietro quindi dovremo farci trovare pronti. Non sono preoccupato pero’ perché siamo tutti professionisti in grado di gestire questa situazione“.

Leggi anche:  Barcellona, gol di tutta la squadra: stipendi tagliati, aiuto al club

Lichtsteiner intervista: “Borriello in quei 5 mesi ci ha dato un grosso aiuto”. 
Domenica prenderanno molto probabilmente parte al match anche i due ex di giornata, entrambi militanti nelle fila del Carpi: Luca Marrone e Stefano Borriello. I due hanno fatto parte della rosa con cui Antonio Conte riportò la Juventus al successo vincendo da imbattuta il campionato 2011/12. Marrone realizzò un gol nella partita di saluto al popolo juventino di Alessandro Del Piero, l’ultima giornata contro l’Atalanta, un 2-0 firmato proprio da Marrone e Del Piero. In quella stagione realizzò due gol, peraltro decisivi (l’1-0 di Cesena e il gol del 2-0 a Novara), anche Marco Borriello. Una breve parentesi quella in bianconero per l’attaccante campano, ma senza dubbio significativa per la sua carriera. Questo il ricordo di lui da parte di Lichsteiner: “Abbiamo giocato poco insieme, quattro o cinque mesi, ma e’ un ottimo ragazzo e ci ha dato una grossa mano ogni volta che e’ sceso in campo“, lo elogia il terzino ex Lazio.

Leggi anche:  Cabrini su Maradona: "Sarebbe ancora vivo se avesse giocato nella Juve. A Napoli amore malato"

Lichtsteiner intervista: “Pensiamo a noi e a vincere tutte le nostre partite“.
Ormai la Juventus ha messo la freccia in campionato. Sei successi consecutivi hanno riportato i bianconeri al quarto posto in classifica, a sole due lunghezze dal secondo occupato da Napoli e Fiorentina. La trasferta di Carpi e la partita casalinga contro il Verona, al rientro in campo il 6 gennaio, rappresentano la ghiotta occasione di accorciare ulteriormente un gap dalla testa della classifica che alla 10° giornata, sei partite fa appunto, era di 11 punti dalla Roma capolista di allora. Tutto ciò ha accresciuto la consapevolezza interna alla Juventus di essere ancora la squadra con cui fare necessariamente i conti per lo Scudetto. Anche le altre percepiscono il pericolo bianconero, dato da molti forse troppo presto per morto, ma Lichtsteiner sposa la filosofia Allegri di puntare ad un obiettivo in termini di punti, dagli 80 in su, senza curarsi troppo di cosa fanno le altre. “Non so se chi e’ davanti debba avere paura di noi e non mi interessa nemmeno – spiega il trenino elvetico -. Noi dobbiamo pensare solo al nostro cammino e a vincere le nostre partite“, chiude l’esterno bianconero.

  •   
  •  
  •  
  •