Verona – Juventus: le dichiarazioni bianconere nel postpartita

Pubblicato il autore: Masi Vittorio Segui

3b58af197a
Sconfitta a sorpresa per la Juventus di Massimo Allegri contro il Verona. Così, a fine partita, il tecnico bianconero, ai microfoni di Sky Sport: “Diciamo che sono gli stessi colori del Parma l’anno scorso. Diciamo che è una sconfitta salutare. A livello mentale non abbiamo giocato una buona partita perdendo tutti i contrasti. Ci servirà per rimettere la testa lì perchè un po’ di festeggiamenti e un po’ di abbassamenti di pressione, che abbiamo avuto un po’ anche col Carpi, sono segnali. Ora dobbiamo riprendere il cammino per approcciare la finale di Coppa Italia nel migliore dei modi. Giocare una partita del genere perchè non aveva senso“. Si aspettava di più da quelli che giocavano meno? “Non era una questione di tecnica ma di approccio. Dovevamo fare meglio soprattutto all’inizio dove bastava tenere di più il pallone. Siamo andati sotto ad un minuto dalla fine, potevamo segnare con Dybala. Una sconfitta che ci farà bene“. Gli infortunati possono tornare a disposizione per la finale? “Khedira vedremo. E’ difficile giochi la finale però l’importante è essere pronti per la finale“. L’anno prossimo vedi una Juventus in evoluzione dal punto di vista tattico o no? “Non è questione di cambiamenti. La squadra deve migliorare dal punto di vista del palleggio. Abbiamo giocatori di qualità e dobbiamo lavorare su questo. Siamo già un’ottima squadra e la società lavorerà per migliorarla“. E non cedere i pezzi pregiati.E’ una squadra nuova da quest’anno e tanti sono giovani. I vecchietti, fra virgolette, sono giocatori che possono ancora dare molto. Da parte mia c’è la convinzione che questa squadra, dal punto di vista tecnico, possa migliorare“.

Sempre a Sky Sport è intervenuto anche Andrea Barzagli: “Lo abbiamo visto oggi, abbiamo affrontato la partita in maniera un po’ leggera. Puoi giocare con chiunque ma quando entri in campo senza cattiveria puoi fare brutte figure. E’ una sconfitta che ci può stare, ma da martedì ci metteremo bene per preparare l’ultima gara di campionato e poi la finale“. Nazionale, gruppo convintissimo? “Siamo convinti perchè in Nazionale si è creato un bel gruppo. In questi due anni abbiamo affrontato bene le partite. Tutti danno il meglio e si mettono a disposizione. Il mister ha grande carattere e ci dà organizzazione. Abbiamo preso due belle botte per gli infortuni di Verratti e Marchisio, ma la Nazionale ha giocatori importanti che ci possono fare il salto“.

Interessanti, poi, le parole, in realtà prima del match, di Beppe Marotta, sul futuro mercato, questa volta a Premium Sport: “Questa squadra ha già raggiunto un livello alto, servono solo alcuni ritocchi. Se ci saranno delle cessioni obbligatorie come Morata e Cuadrado, allora interverremo lì, altrimenti cederemo solo chi chiederà più spazio: l’idea è quella di confermare questo gruppo, che ci ha dato tante soddisfazioni“. Sui vari nomi usciti negli ultimi giorni, come Biglia e Cavani, il dg bianconero non si sbilancia: “Solo in questa settimana siamo arrivati a 20 nomi, ma noi non dobbiamo rifare la rosa. Devo dire, però, che, in Italia, spesso le richieste possono essere sproporzionate“.

  •   
  •  
  •  
  •