Juve, Allegri e Marchisio: considerazioni sulla squadra a confronto dopo la ICC

Pubblicato il autore: Benedicta Felice Segui

Bilancio positivo per la Juventus di ritorno dalla tournèe americana  con le sfide di International Champions Cup. Subito dopo la sfida contro la Roma, terminata con la vittoria dei bianconeri ai rigori, l’allenatore Allegri ha concesso alla squadra due giorni di riposo prima della ripartenza. Questo il commento al termine della gara con i giallorossi: “E‘ stata una buona prima parte , adesso ci prepareremo per la Supercoppa. E’ il primo trofeo della stagione e bisogna vincerlo. Era importante rientrare senza infortuni, i nuovi si devono inserire e abituare ai carichi di lavoro. Però sono contento dello spirito mostrato dai ragazzi in partita e in allenamento. Sarà una stagione difficile e impegnativa. E’ stato un buon test contro un’avversaria del nostro campionato – Allegri si riferisce alla Roma –  Nel primo tempo abbiamo giocato bene tecnicamente, dobbiamo migliorare la fase difensiva e la condizione. Mi piace molto la nuova Juve e credo che abbia ancora ampi margini di miglioramento sul piano del palleggio”.

Leggi anche:  Emanuele Belardi a SuperNews: "La Reggina la porto nel cuore. Un sogno giocare alla Juventus. Donnarumma presente e futuro del calcio italiano"

Alla stregua dell’allenatore anche Marchisio ha commentato la prestazione dei bianconeri, allargando la riflessione alla prossima stagione: “Ho sempre saputo che ci sarebbe voluto un anno per riprendermi dopo il rientro dall’infortunio – dice il centrocampista -. E’ una Juve che sta crescendo, abbiamo giocatori nuovi soprattutto davanti. Douglas Costa è appena arrivato ma sa già trovare le posizioni in campo: si vede che è un campione. Dovremo guardarci da Napoli e Roma che io metto davanti a tutti, perché hanno già una base molto solida. Poi Milan e Inter, anche se quando si cambia tanto non è mai facile. I rossoneri avranno le coppe, i nerazzurri no e questo può essere un vantaggio, anche se già l’anno scorso pensavamo che l’Inter potesse esser un’avversaria per lo scudetto e non lo è stata“.

  •   
  •  
  •  
  •