Juventus, Matuidi: “Voglio lasciare il segno e fare la storia della Juve”

Pubblicato il autore: Giovanni Esposito Segui

Il neo centrocampista bianconero Blaise Matuidi parla della sua nuova avventura nella Juventus ed ha le idee chiare: vincere tutto con la Juventus e diventare il nuovo idolo dei tifosi bianconeri.

Il jolly di Allegri si chiama Matuidi. Per tutta l’estate la Juventus ha cercato un centrocampista da affiancare a Miralem Pjanic e che facesse rifiatare Sami Khedira che, nelle ultime stagioni, non ha garantito il top della forma per tutta la stagione subendo spesso troppi infortuni muscolari. La lista di Marotta era lunga: l’obiettivo principale era e rimane Emre Can e l’alternativa Luiz Gustavo. Alla fine però, non riuscendo a chiudere la trattativa coi relativi club, la scelta è ricaduta su Matuidi e le statistiche parlano chiaro: il centrocampista francese ha portato solidità e forza al centrocampo bianconero uscito a pezzi dopo Cardiff. Una piacevole scoperta per tutti i tifosi bianconeri ma anche per Matuidi. Il francese, come ha dichiarato al Figaro, si è subito ambientato bene nell’ambiente bianconero e non si pente della scelta fatta: “Non mi pento assolutamente di aver lasciato il Psg, sono molto felice a Torino. E lo è anche la mia famiglia. Quando vedo che anche i miei figli cominciano a parlare italiano, capisco di aver fatto la scelta giusta. E’ una grande esperienza anche per loro.” Per il centrocampista era fondamentale ambientarsi per poi dare il 100% in campo e trascinare la Juve nell’unico trofeo che, in questi ultimi anni, non è riuscita a vincere la Champions.

Leggi anche:  Formazioni Manchester United-Liverpool: Solskjær col turnover, Klopp allarme difesa

L’elogio al capitano bianconero: Matuidi esalta Buffon. Passare da un club all’altro per un calciatore non è mai facile ma quando anche i tuoi compagni ti accolgono e ti fanno sentire a casa è tutto più facile. Il francese ha parlato di un suo compagno in particolare ed è rimasto impressionato dalla sua incredibile professionalità: “Buffon è una leggenda. Ma non solo un grande campione. Gigi è innanzitutto un grande uomo. E’ stato tra i primi ad accogliermi. Lavora tanto e capisci perché dura. Buffon è il simbolo della ricerca della perfezione. Si rimette sempre in discussione e trova soluzioni per aiutare la squadra. E’ un leader.” 

Matuidi vuole entrare nella storia. Come tutti i calciatori che hanno militato nella Juventus, anche Matuidi vuole lasciare il segno ed entrare nella storia del club bianconero portando altri trofei nella bacheca di Torino e specialmente un trofeo in particolare quello che negli ultimi anni è sempre sfuggito ai bianconeri, ma prima bisogna far spazio nella bacheca: ” La sala dei trofei: 33 scudetti, 2 Champions… da riempirsi gli occhi. Pare difficile far spazio per il prossimo titolo, ma faremo posto lo stesso.” Il francese è pronto per dare il meglio di se in campo ed aiutare i suoi nuovi compagni a centrare tutti gli obiettivi stagionali.

  •   
  •  
  •  
  •