Galliani, addio a Mediaset Premium: l’ex ad del Milan si candida al Senato

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
Galliani

Galliani


Galliani
, nuova vita in politica. 74 anni da compiere il prossimo 30 luglio, ma nessuna voglia di andare in pensione. Anzi. Dopo oltre 30 anni come amministratore delegato del Milan, qualche mese come presidente di Mediaset Premium, ecco la discesa in campo in politica.  Questo è quello che scrive la Gazzetta dello Sport in edicola oggi. Adriano Galliani sarà candidato per il Senato alle prossime elezioni politiche del 4 marzo. L’ex ad milanista sarà presente nelle liste, indovinate un po’, di Forza Italia. Spifferi da Arcore parlano di un suo possibile ruolo in un eventuale esecutivo di centro-destra. Silvio Berlusconi lo vedrebbe bene come Ministro dello Sport. “Galliani? Sarà il nostro ministro dello Sport“: più che un’idea, un diktat, almeno secondo Repubblica. Il leader azzurro, dunque, ha chiesto all’ex ad rossonero di lasciare la presidenza di Mediaset Premium. 

Leggi anche:  Telecronisti Serie B 6^ giornata: tutte le voci Sky e DAZN

Una scelta, quella dell’ex Cavaliere, forse dettata anche da un’ipotesi circolata nelle scorse settimane: nel caso in cui venisse riabilitato da Strasburgo soltanto dopo le elezioni, Berlusconi potrebbe entrare in Parlamento proprio al posto di Galliani, che gli lascerebbe il seggio pur restando titolare del dicastero. Anche per questo, il Cavaliere vuole un seggio assolutamente blindato per l’ex ad del Milan: sarà infatti candidato al proporzionale in Lombardia. Un sodalizio, quello tra Berlusconi e Galliani, assolutamente indissolubile. Nell’inverno 2013 la figlia Barbara ne aveva auspicato le dimissioni dal Milan, poi la complicata convivenza in rossonero fino all’avvento dei cinesi. Galliani è pronto per la sua terza vita. Dopo le televisioni e il calcio, ecco la politica. Un arrivo inevitabile per chi orbita intorno a Berlusconi.

Leggi anche:  Portieri Juventus: Dino Zoff difende Szczesny e ha fiducia in Perin

Galliani-Berlusconi, 40 anni di un rapporto d’acciaio

Fininvest prima, il Milan e Mediaset poi, ora la politica. Adriano Galliani e Silvio Berlusconi sono davvero una delle coppie più belle del mondo. Come detto Barbara Berlusconi voleva per sé il ruolo di amministratore delegato, imputando una cattiva gestione a Galliani. Il nostro Adriano non la prese bene, tanto da presentare immediate dimissioni. Queste ultime da Silvio, che costrinse i due ad una convivenza forzata sotto lo scomodo tetto di Casa Milan. Poi la lunga trattativa con i cinesi, che ha messo in secondo la diatriba tra i due.

Galliani ha lasciato il Milan, ma continua a frequentare le tribune di San Siro. Dei Berlusconi invece non c’è stata più traccia sulle tribune dell’impianto milanese. Il ruolo di presidente di Mediaset Premium per qualche mese, che ha comunque portato la trasmissione dei prossimi mondiali di calcio. Ora la grande sfida della politica. Molto probabilmente Galliani sarà eletto. Poi si vedrà quello che succederà. Forse è un peccato per il mondo del calcio aver perso uno dei migliori manager che il nostro movimento abbia avuto negli ultimi anni. Magari ne troverà giovamento il mondo politico. Una cosa è certa, quelli al Milan non sono stati gli ultimi giorni del Condor. Tutt’altro, Galliani è pronto a vincere una nuova sfida. Si dice che i gatti abbiano nove vite. L’inaffondabile brianzolo forse ne ha anche qualcuna in più. Diavolo di un Adriano.

  •   
  •  
  •  
  •