Var, prosegue la class action dei tifosi della Lazio per i torti subiti contro Torino e Fiorentina

Pubblicato il autore: Aote Segui

Quello tra la Lazio e la Var è un rapporto che, almeno al termine del girone d’andata del campionato, non può che definirsi conflittuale. Tanti gli episodi controversi che hanno coinvolto la formazione di Inzaghi che, sabato scorso al termine della sfida con l’Inter, nella quale la Lazio si è vista prima assegnare e poi togliere dal Var un calcio di rigore, ha sollevato tutti i suoi dubbi in merito al corretto funzionamento della nuova tecnologia introdotta a inizio stagione.

Il malcontento laziale non è però rivolto all’ultimo episodio appena citato ma a quanto accaduto in altre gare: il derby con la Roma, la sfida casalinga col Torino, gare entrambe perse dai biancocelesti, e, soprattutto, la gara casalinga con la Fiorentina. Al termine dei novanta minuti il tabelino recita 1 a 1 col gol del pareggio messo a segno dai viola su calcio di rigore, assegnato dall’arbitro Massa dopo aver rivisto alla Var un contatto in area tra il laziale Caicedo e il difensore viola Pezzella. Un episodio che mandò su tutte le furie il Direttore Sportivo laziale Tare che,al termine della gara si precipitò in campo per chiedere,senza successo,spiegazioni direttamente al direttore di gara. Episodio ancora indigesto anche alla tifoseria che,secondo quanto riportato da “La Repubblica”, starebbe promuovendo una class action nei confronti dell’Aia per “illegittima applicazione del protocollo Var”. Il provvedimento, redatto dall’avvocato Mignogna, sarebbe stato già sottoscritto da seimila tifosi.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Udinese-Inter, Graziano Cesari difende Conte: "I quattro minuti di recupero? Maresca ne avrebbe dovuti dare 7"
Tags: ,