Genova, lo stadio Luigi Ferraris è in vendita: Sampdoria e Genoa pronte all’acquisto

Pubblicato il autore: Diletta Barilla Segui
20-08-17 SAMPDORIA-BENEVENTO CAMPIONATO SERIE A TIM 17-18 FABIO QUAGLIARELLA GOAL 1-1

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Il Comune di Genova ha deciso di vendere lo stadio Luigi Ferraris e adesso le due società genovesi, Sampdoria e Genoa, sono pronte ad acquistare l’impianto. L’operazione dovrebbe concludersi entro la fine dell’anno ma ancora non è stata fatta una valutazione dell’immobile da parte dell’ente. Blucerchiati e rossoblù sono pronti a fare la propria offerta – si stima sia intorno ai 7 milioni di euro – per assicurarsi la gestione dello stadio di casa. Le due squadre del capoluogo ligure sono pronte a costituire una società, dove entrambe saranno socie alla pari, per occuparsi del Luigi Ferraris. Poi mancherebbe solo il sì del Comune affinché Genoa e Sampdoria possano considerarsi le nuove proprietarie dello stadio.

L’idea dei rossoblucerchiati sarebbe quella di non gestire direttamente l’impianto ma sovrintendere per tutti gli interventi che saranno necessari per migliorare l’immobile. Un tema a cui la dirigenza sampdoriana è particolarmente attenta vista la posizione in classifica della squadra. In caso di qualificazione alla prossima Europa League sarà, infatti, necessario risistemare lo stadio – su tutto – sala stampa, postazioni per le telecamere delle TV e spogliatoi. Per il momento nessun riferimento al terreno di gioco – non sempre in perfette condizioni – che nel 2015 aveva costretto i blucerchiati a trasferirsi a Torino per la partita casalinga dei preliminari d’Europa. Campo che si è dimostrato essere ostile ai blucerchiati. Ma, sempre come riporta il quotidiano locale Il Secolo XIX, sarebbero arrivate per la Sampdoria alcuni attestati di stima da parte del massimo organo calcistico europeo, la UEFA, per le nuove strutture del campo sportivo di Bogliasco ed il progetto “Casa Samp”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Cruciani duro sulla morte di Maradona: "Non si può piangere per un cocainomane"