Inter, in vista del Derby le vecchie glorie danno la carica:” In campo con cuore, passione e competenza”

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui
MILAN, ITALY - NOVEMBER 05: FC Internazionale Milano fans show their support prior to the Serie A match between FC Internazionale and Torino FC at Stadio Giuseppe Meazza on November 5, 2017 in Milan, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images )

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

L’Inter di Luciano Spalletti, nonostante la vittoria ottenuta contro il Benevento, sembra non aver superato lo spettro del difficile mese di Dicembre e si preparara ad affrontare un Derby che si prospetta difficile e decisivo per la corsa alla Champions League. In merito al Derby di Domenica si sono espressi alcune glorie della società nerazzurra. Tra questi vi è un simbolo dell’ “interismo” ovvero Marco Materazzi : “Cosa deve fare l’Inter per vincere il derby? Fare quello che sta facendo Gattuso, mettere in campo cuore, passione e competenza. Tutte cose che l’Inter ha dimostrato di avere e che non può avere perso. Anche per questo, al di là degli aspetti tattici, se fossi Spalletti farei vedere ai ragazzi il video di Inter-Chievo 5-0. Così ciascuno si renderebbe conto di quanto allora era generoso, sicuro e spavaldo. Bisogna ritrovare grinta e compattezza. Giocare di squadra? In un derby è impossibile non farlo. E vista la situazione ambientale con i tifosi, il fatto che si giochi in casa del Milan può essere un vantaggio. Anche perché in tribuna ci saranno gli interisti migliori, quelli che ti sostengono per 90’ e nel caso fischiano a gara finita.”

Leggi anche:  Champions League 2020/21, le probabili formazioni della quinta giornata e statistiche

Diego Milito, eroe del triplete nerazzurro, invece ha affermato:”Non posso credere che ci sia una problema di scarso attaccamento alla maglia  anche perché ogni periodo ha i suoi giocatori e la sua storia. Stiamo comunque parlando di una squadra quarta in classifica. Di sicuro però il senso di responsabilità devi mostrarlo in ogni allenamento, in ogni partita. Non soltanto contro il Milan. Gattuso ha trasmesso ai suoi anche importanti concetti di gioco, ma soprattutto rabbia e carattere. In fondo è lo stesso Gattuso che affrontavo in campo. Il derby però è davvero una partita a sé. E la concentrazione non potrà mancare”.

Esteban Cambiasso aveva segnalato le difficoltà riscontrate dai nerazzurri anche al termine della partita contro il Genoa, persa per 2-0:”La sensazione è che l’Inter manchi di gioco, nessuno sbaglia se dice che l’Inter oggi non ha gioco. Dopo se devi sperare negli episodi, ti può capitare che una volta possono andarti a favore. Puoi dipendere dagli episodi quando vai a giocare a Napoli o a Torino con la Juve. Quando affronti squadre inferiori, devi essere superiore, poi ci sta che magari il portiere fa la partita della vita o l’arbitro ti fischia un rigore che non c’è e lì la perdi. La verità è che oggi non si vede un’Inter superiore agli avversari. L’entusiasmo rispetto a un gioco consolidato, l’entusiasmo ha un tempo specifico inferiore se non hai il gioco che ti sostiene. Oggi non credo che gli altri abbiano eccessive paure dell’Inter, mentre nel primo periodo non vedevo nessuna squadra che attaccasse forte”

Leggi anche:  Milan, Pioli: "Una partita difficile. Ci aspettano tante gare, bisogna stringere i denti"

Sandro Mazzola invece a ‘Si Gonfia la Rete’ su Radio CRC ha parlato molto bene dell’operato del nuovo allenatore del Milan:“Gattuso mi piace come tecnico, è riuscito a fare quello che fece all’Inter Helenio Herrera, ovvero mettere la testa prima di tutto. I problemi dell’Inter? Spalletti mi piace, i calciatori non si sentono all’altezza e la società non è abituata a queste problematiche, non riesce a mettere in riga la squadra”.

  •   
  •  
  •  
  •