Juventus-Atalanta, Allegri: “Per noi la Coppa conta quanto il campionato”

Pubblicato il autore: Aote Segui
TURIN, ITALY - DECEMBER 23: Massimiliano Allegri head coach of Juventus FC looks on during the serie A match between Juventus and AS Roma at the Alliannz Stadium on December 23, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

In attesa di sapere quando sarà recuperata la sfida di campionato rinviata domenica scorsa, Juventus e Atalanta, tempo permettendo, tornano a sfidarsi domani sera nella semifinale di ritorno di Coppa Italia; i bianconeri partono col vantaggio della rete di Higuain e puntano dritto alla finale dell’Olimpico.
Massimiliano Allegri, nella consueta conferenza stampa della vigilia,  predica comunque calma e non sottovaluta i nerazzurri: “Puntiamo alla Coppa così come al Campionato. Di fronte avremo una squadra che avrà voglia di riscatto dopo l’eliminazione dall’Europa League. Il gol di vantaggio che abbiamo non ci garantisce nulla”.
Capitolo formazione; sicuri assenti saranno Bentancourt, squalificato e gli infortunati Cuadrado, De Sciglio e Bernardeschi.
In porta ci sarà Buffon mentre Higuain dovrebbe trovare posto in panchina,come conferma lo stesso tecnico bianconero, che ha ancora dei dubbi circa il minutaggio da conmcedere a  Dybala, ancora non al top della forma dopo l’infortunio: “Higuain verrà in panchina se non avrà dolore alla caviglia. In mezzo al campo Marchisio ha ottime possibilità di giocare, con Khedira che può essere una alternativa. Per quanto riguarda Dybala di sicuro giocherà. Non so ancora se dall’inizio o a partita in corso. Abbiamo bisogno di lui“.

Leggi anche:  Lazio in lutto: è morto il portavoce Arturo Diaconale

La vittoria del Napoli di ieri sera ha allontanato la vetta della classifica, ma Allegri non fa drammi e rilancia le ambizioni della Juventus: “Abbiamo una partita in meno e quella con la Lazio sarà la sesta trasferta nelle ultime otto partite. Poi mancheranno dodici partite e noi ne giocheremo sette in casa e cinque fuori. Non è un brutto calendario ma sono certo che quello col Napoli sarà un duello fino all’ultima giornata. Noi vogliamo vincere il settimo scudetto e superare una squadra che sta facendo cose straordinarie“.

  •   
  •  
  •  
  •