Milan: Gattuso sulle orme di Josè Mourinho

Pubblicato il autore: Giacomo Luigi Uccheddu Segui
MILAN, ITALY - JANUARY 06: AC Milan coach Gennaro Gattuso issues instructions to his players during the serie A match between AC Milan and FC Crotone at Stadio Giuseppe Meazza on January 6, 2018 in Milan, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

(Photo by Marco Luzzani/Getty Images scelta da Supernews)

Quando durante il match di ieri disputato allo Stadio Giuseppe Meazza tra il suo Milan e la Sampdoria, Gennaro Gattuso ha aizzato la folla per sostenere gli undici uomini in campo, in molti hanno accostato l’ex centrocampista rossonero a un tecnico che sul lato opposto del Naviglio ha fatto la storia: Josè Mourinho. Era la fredda sera del 24 Gennaio 2010 quando l’allora allenatore nerazzurro, in un derby vinto 2-0 dalla sua squadra con le reti di Diego Milito e Goran Pandev, incitava il pubblico a sostenere fino allo sfinimento i giocatori dell’Inter. Gattuso quel derby lo giocò 45′, prima di venire sostituito da Clarence Seedorf; una stagione disgraziata quella per colui che ora allena il Diavolo in quanto nel match di andata venne espulso per un fallo da ultimo uomo e la sanzione fu quella del calcio di rigore poi trasformato da Milito per il temporaneo 2-0. Il match, terminerà col punteggio di 4-0.

Leggi anche:  Maradona, omaggio del PSG, ma Icardi scatena la polemica

Quando cinque giorni fa Valeri Bojinov ha dichiarato alla Gazzetta dello Sport: ‘Gattuso diventerà col tempo il nuovo Mourinho’, probabilmente in tanti gli hanno dato del folle. Adesso forse non più. Ciò che stupisce del tecnico rossonero è la grande umiltà, la grande voglia di lavorare, soprattutto il tenere i piedi per terra; il suo Milan è rinato e non è ora poi così lontano dal quarto posto che darebbe un accesso alla Champions League innominabile solo qualche settimana fa. Tra i meriti del tecnico, oltre quello di aver riportato a livelli diversi giocatori e l’essere quasi il padre dell’exploit di Patrick Cutrone, il fatto di aver acceso la lampadina. Giocare a San Siro contro il Milan, in Novembre per le squadre avversarie, non faceva differenza al giocare tra le mura amiche; ieri contro la Sampdoria invece il popolo rossonero è tornato a tifare e gioire. Un boato quello giunto col fischio finale.

Leggi anche:  Napoli verso i sedicesimi

Domenica 25 Febbraio, ancora una volta in posticipo, il Milan sarà ospite della Roma di Eusebio Di Francesco che anche grazie ai numeri del giovane turco Under è riuscita a risollevarsi dopo un periodo tra Dicembre e Gennaio tutt’altro che entusiasmante per i capitolini. Vincere, per la squadra rossonera, vorrebbe dire portarsi a una distanza di sei punti dai giallorossi e dalla Champions League sempre ammesso che Inter e Lazio non continuino nel loro periodo no. Il Milan nello Stadio Olimpico giallorosso non ci vince dal 29 Ottobre del 2011: 3 a 2, Gattuso quella sera non era a disposizione ma il 20 Marzo 2005, 2-0 firmato da Hernan Crespo e Andrea Pirlo, era tra i titolari. Chissà che Domenica sera, prima della partita, non insegni ai suoi Diavoli come affrontare la Roma per batterla, per tenere vivo il fuoco chiamato Champions League.

  •   
  •  
  •  
  •