Padova: verso la sfida con il Sud Tirol per consolidare il primato

Pubblicato il autore: massimiliano granato Segui

La vittoria sul Ravenna per 2-0 ha sancito ancora una volta il primato del Padova sul girone B del campionato di serie C. A segnare è stato Guidone, giocatore che al suo arrivo aveva suscitato qualche perplessità. L’ex Reggiana ha sì segnato poco (quattro reti), ma sono state segnature molto pesanti. Ora il divario tra i biancoscudati e il Feralpi Salò è di ben 11 punti: un margine che può dare serenità all’ambiente in vista del rush finale. Sabato la squadra di Bisoli giocherà in casa del Sud Tirol, che occupa la sesta posizione in classifica a quota 34 punti. La diretta inseguitrice, la squadra bresciana del Feralpi Salò, giocherà invece a Mestre. Vincere, con un passo falso dei diretti concorrenti, sarebbe un altro mattone per la promozione diretta. Certo, 12 giornate appaiono tantissime, ma il ruolino di marcia del Padova, specie guardando al girone di ritorno, induce all’ottimismo: in sette gare disputate, cinque vittorie e due pareggi, con ben dieci reti fatte e solamente quattro subite. Bisoli spera che la matematica arrivi presto, per potersi rilassare. Sarebbe un relax meritato per lui, per la squadra e per i tifosi, dopo quattro anni passati a tribolare: dal fallimento del 2014 ai tre anni di battaglie in Lega Pro, ora tornata (finalmente)serie C. Non solo: il Padova ha il miglior attacco (33 reti) ed è la seconda miglior difesa (18 reti subite)dopo la Reggiana che ne ha subite solamente due in meno. Questo oltre al maggior numero di vittorie (14)di tutto il girone B,oltre al minor numero di sconfitte (3). Buoni numeri, se si pensa che le tre squadre sotto ai biancoscudati (nell’ordine: Feralpi Salò, Reggiana e Bassano )ne hanno ben quattro di meno. Adesso, testa alla sfida del Druso contro il Sud Tirol di Paolo Zanetti. La gara pare essere alla portata, ma attenzione alle insidie: adesso sottovalutare un avversario sarebbe un errore grave da commettere. Dodici partite alla fine paiono ancora tante per tirare i cosiddetti remi in barca.

Leggi anche:  Liverpool-Atalanta 0-2: spettacolo della Dea
  •   
  •  
  •  
  •