Astori stava per firmare il contratto a vita con la Fiorentina, Della Valle: “Era un ragazzo speciale”

Pubblicato il autore: Diletta Barilla Segui

Capitano, uomo simbolo della Fiorentina che è stata e che sarebbe diventata. Davide Astori, legatissimo alla squadra viola e alla città che lo ha accolto dopo la parentesi romana e con cui il feeling era scattato subito. Tanto che quest’estate, il nuovo tecnico Pioli, chiamato per gettare le basi per l’apertura di un nuovo ciclo vincente gli aveva consegnato la fascia da capitano. Un ruolo che il numero 13 – scelto in onore di Alessandro Nesta – ha ricoperto con orgoglio fino ad ieri quando per un malore, le cui cause sono ancora da accertare, il suo cuore ha smesso di battere.
La normalità di una squadra in ritiro in attesa di scendere in campo nel pomeriggio, come ogni domenica, è stata stravolta da una notizia che nessuno avrebbe mai voluto sentire e dover riportare. E per stare vicino alla squadra il presidente onorario della Fiorentina, Andrea Della Valle, ha lasciato il Marocco per fare rientro in Italia, direzione Udine.

Leggi anche:  Torino: dentro i giovani, bene con Singo ora tocca a Segre!

Al suo arrivo in Friuli, decisamente scosso e commosso, si è intrattenuto con i cronisti per parlare del suo capitano e di quello che sarebbe stato il suo futuro, ancora e per sempre in maglia viola: “Pensate che lunedì sarebbe dovuto venire in sede per firmare il rinnovo del contratto fino al 2022 per finire la sua carriera a Firenze con la maglia della Fiorentina. Siamo tutti sconvolti, vediamo come poter affrontare questa prova di vita così difficile. I suoi compagni dovranno essere bravi e riuscire a reagire proprio per lui e per la sua famiglia“. Ma tra Davide Astori e il presidente Della Valle c’era un rapporto speciale: “Per la squadra era un punto di riferimento. Avevamo fatto una chiacchierata prima del match di Bologna e parlava della squadra come fosse stato, non solo il capitano, ma anche il ds e l’allenatore. Io ho avuto la fortuna e il privilegio di conoscerlo, era davvero una persona speciale. Non sono parole di facciata, quelle che si usano in queste occasioni spiacevoli e chi come me lo ha conosciuto lo sa“. Ma anche il fratello di Andrea Della Valle, Diego, si è recato nel capoluogo friulano per stare vicino alla squadra e ai famigliari del difensore: “Un ragazzo speciale cresciuto in una famiglia di grandi valori. È una tragedia“.

Leggi anche:  Inter DAZN, tre gare dei nerazzurri in streaming

Intanto la squadra viola ha fatto rientro a Firenze dove è stata accolta, sia in aeroporto sia al campo sportivo, dagli applausi dei tanti tifosi accorsi per far sentire la loro vicinanza mentre i cancelli dello stadio Artemio Franchi continuano a riempirsi di striscioni, fiori, disegni e messaggi per ricordare Davide Astori. Anche la Fiorentina ha voluto omaggiare il suo capitano con un commovente video apparso sul sito internet della società nel quale scorrono le immagini del calciatore sotto le note di “Blowin in The Wind” di Bob Dyland mentre sull’account social il logo del club è stato modificato con l’aggiunta di una banda con il nome del difensore e il suo numero di maglia.

Il sindaco del capoluogo toscano ha proclamato una giornata di lutto cittadino per quando si svolgeranno i funerali.

  •   
  •  
  •  
  •