Balotelli contro Dani Alves: “Su Astori ha detto una scemenza”

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

FLORENCE, ITALY - JANUARY 05: Davide Astori of ACF Fiorentina in action during the serie A match between ACF Fiorentina and FC Internazionale at Stadio Artemio Franchi on January 5, 2018 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)
Balotelli, entrata a gamba tesa su Dani Alves
. La scomparsa di Davide Astori ha commosso tutto il mondo calcistico internazionale, con qualche eccezione. L’ex terzino della Juventus non si è mosso molto a compassione davanti alla morte del capitano della Fiorentina:“Siamo tutti di passaggio su questa terra, moriamo tutti. Anche i bambini”. Parole che sono risultate un po’ fuori luogo, visto che Astori lascia una fidanzata e una bimba di 2 anni. Sul caso è intervenuto anche Mario Balotelli. “Dani Alves non ha detto una cazzata, ma poteva risparmiarselo. Doveva fare le condoglianze e basta, mica dire cazzate. I commenti non possono essere quelli di fronte alla morte. Ha detto cose che non c’entrano niente“. Così Supermario durante una diretta su Instagram.

Balotelli ha poi continuato a bacchettare Dani Alves:“Ha detto cose che non c’entrano niente. Astori, tra l’altro, era un bravo ragazzo, educato, lo dico perché c’ho giocato in Nazionale. Purtroppo non potrò andare ai funerali perché ho allenamento, altrimenti avrei preso la macchina e io sarei andato. Questa è una cosa che è successa nonostante i controlli che noi calciatori facciamo una volta al mese, fa paura pensarci perché era a letto che non aveva niente, è troppo facile andare in cielo”. Tutto molto giusto, il pensiero di Balotelli è largamente condivisibile. Evidentemente Dani Alves non porterà nel cuore il ricordo della sua stagione trascorsa in Italia, alla Juventus. Davanti alla morte, di un collega peraltro, serve però sempre rispetto. Tanto rispetto, capito Dani?

Leggi anche:  Milan, Ibrahimovic: esami in corso, si teme stiramento

Balotelli è diventato finalmente grande?

Compirà 28 anni il prossimo agosto, un’età in cui i calciatori sono al massimo del loro potenziale. Mario Balotelli sta facendo grandi cose al Nizza. Non varrà 100 milioni di euro, come sostiene il suo procuratore Mino Raiola, ma è un ottimo affare a parametro zero per il prossimo calciomercato. Balotelli lascerà il Nizza e Raiola sta preparando il terreno per un suo clamoroso ritorno in Italia.

Non al Milan, visto che i rapporti tra Raiola e i rossoneri sono piuttosto tesi, ma le altre strade restano aperte. “Il Napoli sarebbe il top per Balotelli”, così Raiola che però non hai avuto grandi rapporti con Aurelio De Laurentiis. Balotelli si integrerebbe bene negli ingranaggi perfetti di Maurizio Sarri? Chissà. Poi c’è la Juventus, dove c’è l’unico allenatore che lo ha fatto rendere al massimo: Max Allegri. Anche qui ci sono delle controindicazioni, il popolo bianconero non ha mai amato tanto Balotelli. Il gruppo storico juventino come lo accoglierebbe? Chissà. Poi c’è la Roma, ma anche qui il tifo romanista non ha risparmiato fischi e insulti a Balotelli. Ci sarebbe anche la Lazio, ma al solo immaginare una trattativa tra Claudio Lotito e Raiola già tremano i muri di Formello. Intanto Mario continui a segnare con il Nizza, poi magari anche con la maglia dell’Italia. Per il resto c’è tempo, tutta una lunga estate.

  •   
  •  
  •  
  •