Inter, Icardi: “Ringrazio i miei compagni per aver superato i 100 goal”

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui


Autore di una meravigliosa prestazione al Marassi contro la squadra che l’ha lanciato nel ‘grande calcio’, Mauro Icardi ha siglato un poker storico: infatti, con i quattro goal rifilati alla Sampdoria, l’argentino ha sfondato il muro dei 100 goal.

Una grandissima impresa per l’attaccante scuola Barcellona che,  all’età di 25 anni, è diventato il sesto giocatore più giovane a riuscire a raggiungere un traguardo così importante, arrivando dietro a grandi fuoriclasse del passato calcistico come Meazza, Piolia, Boniperti, Felice Borel e Altafini.

Il capitano nerazzurro, subito dopo la partita contro la Sampdoria, aveva così espresso la sua soddisfazione per il poker rifilato alla Sampdoria: “Sono passato subito da 99 a 103 (…) Sono molto contento per la prestazione della squadra, per la partita che abbiamo fatto: al di là dei miei gol, contano i tre punti e le vittorie. Era molto importante per noi fare un bel risultato qui, dopo la grande prova di sacrificio contro una squadra che gioca bene come il Napoli. Adesso andiamo alla sosta più tranquilli, si può lavorare meglio e affrontare la prossima partita con un’altra testa.

Leggi anche:  Caso Lazio Torino, parla Sconcerti: "Non finirà in quel modo"

Icardi ha anche parlato ai margini di un evento all’Inter Store di Milano, ai microfoni di Inter Tv. Egli ha parlato delle sensazioni provate nella Domenica di Marassi:“Contro la Sampdoria ho vissuto la domenica perfetta. Sono arrivati il mio centesimo goal con l’Inter e il mio centesimo goal in Serie A. E’ una cosa speciale, un segno del destino. Il tutto è stato reso più bello dal fatto che abbiamo vinto la partita da grande squadra”

Autore di tantissimi goal con la maglia nerazzurra, per quanto riguarda le sue reti preferite, Icardi non ha dubbi: : “I goal sono tutti belli per me, rappresentano una soddisfazione e un premio al lavoro che si fa. Quelli che mi sono rimasti più impressi sono quelli alla Juve e i tre nel derby”.

Con il poker alla Sampdoria, il capitano nerazzurro (22 goal) si propone prepotentemente per vincere il titolo di capocannoniere, attualmente occupato da Ciro Immobile, autore di 24 goal:“Non so se sono un attaccante completo, io però sono lì e se mi capita l’occasione devo farmi trovare pronto, è questo il mio lavoro”.

Inoltre Mauro Icardi ha voluto condividere il suo personale record con i compagni che lo hanno assistito ed aiutato a raggiungere questo obbiettivo:“Negli ultimi anni sono Candreva e Perisic quelli che mi hanno fatto più assist, però devo ringraziare tutti i mei compagni perché è la squadra che fa goal. In tanti mi hanno aiutato da quando sono qui.”

Leggi anche:  Inter, Lukaku miglior giocatore di febbraio: è il primo nerazzurro a ricevere il premio

L’attaccante argentino, non convocato dalla ‘albiceleste’ per le amichevoli di questa settimana, è pronto a caricarsi sulle spalle la squadra e portarla in Champions League, per poter giocare per la prima volta la massima competizione europea con la fascia da capitano di un glorioso club come quello nerazurro. Le prossime tre partite saranno decisive per il futuro europeo della squadra di Luciano Spalletti: con il Verona (in casa), il Milan e Torino (fuori casa), servono almeno sette punti su nove per poter continuare a sognare un piazzamento in Champions League.

  •   
  •  
  •  
  •