Juventus, Buffon si avvicina al ritiro. E intanto Zoff lo ammonisce

Pubblicato il autore: Carlo Pranzoni Segui

Foto originale Getty Images© scelta da SuperNews

È ormai da settembre che tra i tifosi della Juventus non si fa altro che parlare del possibile ritiro del loro numero uno e capitano Gianluigi Buffon. Il portierone della nazionale, richiamato dal neo ct Di Biagio per le prossime amichevoli contro Argentina e Inghilterra, ha ammesso di aver già deciso cosa fare del suo futuro insieme al presidente Andrea Agnelli. Buffon lo ha anticipato a Tiki Taka, trasmissione sportiva in onda su Italia uno, e lo ha ribadito ieri nella conferenza stampa della vigilia della super sfida con il Tottenham, valevole per la qualificazioneai quarti di finale di Champions League. Ora resta solo da rendere pubblica la sua scelta, ma ciò verrà fatto a fine stagione, non ora che la sua squadra è impegnata su tre fronti. Decisione presa da uomo saggio, come è del resto Buffon.

Leggi anche:  Juventus a sostegno dei propri dipendenti: "Attivata la Banca Ferie Solidali"

Rinnovo Buffon. I tifosi sperano, ma… – I tifosi si sono subito illusi del fatto che, se la decisione di Buffon è stata presa con Agnelli, allora il loro numero uno continuerà per a difendere i pali della Juve per un’altra stagione. Ma, almeno al momento, Supergigi sembra orientato ad appendere i guantoni al chiodo e a lasciare spazio al polacco Szczesny.  Infatti, la scelta di svelare la propria decisione solo a giugno, rende possibile anche l’ipotesi di un cambio di idea da parte dell’estremo difensore. Di rinnovo si è parlato con la dirigenza, con prolungamento dell’accordo per altri due anni richiesto dall’agente Martina, così da avviare anche un nuovo ciclo azzurro per arrivare all’Europeo del 2020 (altro grande trofeo che, insieme alla Champions, manca nella bacheca di Buffon). Ecco sorgere l’unico diverbio tra Agnelli e Buffon, con il presidente bianconero pronto si ad offrire il rinnovo, ma a scadenza annuale e non biennale. Sia chiaro, Buffon non sarà mai una zavorra per la Juventus e non farà la fine di altre leggende come Totti (diventato quasi un problema per la Roma) e Del Piero (cacciato perchè ritenuto ormai un peso per la squadra a cui aveva dedicato la sua carriera), ed il suo stato di forma dimostra che è ancora un portiere di grande livello, nonostante le sbavature contro Atalanta e Tottenham all’andata. Ma la differenza di idee con la dirigenza lo avrebbe convinto a farsi da parte.

Leggi anche:  Lazio e caos tamponi, la perizia conferma: Immobile e Leiva negativi

Buffon, Futuro da dirigente ?- Ecco quindi che in caso di addio si fa largo la voce che vorrebbe Buffon all’interno della dirigenza juventina, come accaduto ai suoi ex compagni Nedved, Trezeguet e Davids. L’amicizia con Agnelli è profonda e sincera, e la voglia di Buffon di dare una mano potrebbe convincerlo ad abbandonare il campo per aiutare da dietro la scrivania la sua amata Juventus. Vedremo come si evolverà la situazione nei prossimi mesi.

Zoff rimprovera Buffon- A intervenire nella questione Buffon-Juve ci ha pensato Dino Zoff, altro leggendario estremo difensore della Juventus e della Nazionale che, come Gigi, non ha mai vinto una Coppa dei Campioni. L’ex ct azzurro si è così espresso sulla vicenda: “Buffon ? Lìimportante è che non continui il tira e molla con la società. È difficile smettere, anche perchè a una certa età apprezzi veramente quello che fai, ma credo vadano prese delle decisioni, perchè così non si è da aiuto a nessuno. Sono sicuro che lui farà la cosa giusta“.

  •   
  •  
  •  
  •