Juventus, la Bild attacca: “Inaccettabile festeggiare per due scudetti fasulli”

Pubblicato il autore: Yuri Lo Stuto Segui



Calciopoli
non finirà mai. Dalle dichiarazioni di Ronaldo che ha riaperto il discorso, dicendo che la Juventus faceva parte di un sistema corrotto e che per quel motivo era impossibile trionfare in Italia, a quanto apparso oggi sulla Bild, quotidiano tedesco. Il giornale, nella sua edizione online, ha attaccato la società bianconera piuttosto inaspettatamente riaprendo la questione legata al numero di scudetti vinti dalla Juventus: “E’ inaccettabile – si legge – che la società conteggi due scudetti revocati relativi allo scandalo Calciopoli e che il numero 35 campeggi all’ingresso dello stadio dove la Juventus gioca in casa e sul suo sito ufficiale. I titoli nazionali riconosciuti dalla FIGC sono 33.”
Un attacco gratuito e senza motivo in questo momento. Tra l’altro la Juventus è abituata a ricevere frecciatine dai tifosi di altre squadre italiane, relativamente ai presunti “furti” di cui è stata protagonista la società bianconera nel passato e di cui è stata accusata anche piuttosto pesantemente.
In questo caso si tratta di un fatto inedito, in quanto mai un giornale o un’emittente estera si erano permessi di attaccare liberamente la società campione d’Italia. Si attende una possibile risposta da parte della società bianconera, ma in questi casi raramente la dirigenza juventina commenta.
La storia di cui si parla sopra è abbastanza nota, e si può riassumere in questo modo, giusto per rinfrescare la memoria: alla società bianconera sono stati revocati due scudetti, datati 2004/2005 e 2005/2006, e quest’ultimo è stato assegnato all’Inter arrivata terza. Ma ciò che sorprende è che dalle sentenze nessuna delle due annate è stata oggetto di indagine, ed i campionati in questione sono stati definiti regolari. Il sistema era certamente corrotto, ma era meritevole di indagini più approfondite.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Juventus, Gigi Buffon pensa al ritiro: "Al massimo fino al 2023"
Tags: