Milan-Inter, Gattuso: “In campo voglio umiltà e veleno”

Pubblicato il autore: Aote Segui

FLORENCE, ITALY - DECEMBER 30: Manager of AC Milan Gennaro Gattuso gestures during the serie A match between ACF Fiorentina and AC Milan at Stadio Artemio Franchi on December 30, 2017 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)
Conquistata la finale di Coppa Italia in casa Milan è il momento dell’entusiasmo; la squadra di Gattuso si approccia al derby nella fase migliore della sua stagione, e per molti da favorito nonostante la classifica veda i cugini dell’Inter avanti di sette lunghezze; una vittoria rossonera,combinata ai risultati di Roma e Lazio, impegnate rispettivamente con Napoli e Juventus, potrebbe rimescolare del tutto le carte nella corsa alla Champions League.
A buttare acqua sul fuoco e tenere alta la tensione, pensa Gennaro Gattuso, per molti il vero artefice di questa rinascita rossonera: “Ho chiesto ai ragazzi di non dimenticarsi la nostra dote principale,l’umiltà.  Rispetto a quando giocavo adesso ho molti pensieri in più. Prima sfogarsi era più facile“.
Testa dunque all‘Inter e attenzione in particolare su Mauro Icardi, mattatore del derby d’andata: “A differenza nostra l’Inter può permettersi di sbagliare qualcosa. Icardi è uno degli attaccanti più forti al mondo. In area di rigore è un cecchino, ha dei movimenti che non lo rendono secondo a nessuno“.

Leggi anche:  Ibrahimovic voleva diventare il nuovo Maradona ma Adl disse no

Umiltà ma anche coraggio, queste le componenti che Gattuso vuole vedere nella prestazione dei suoi: “Servirà una grande partita a livello sia fisico che mentale. Non dobbiamo giocare col braccino e essere timidi. In Coppa abbiamo speso tanto ma la stanchezza non deve essere un alibi“.
Una partita come il derby è in grado di regalare motivazioni del tutto particolari a chi le vive dal campo; Gattuso, vista la sua esperienza da calciatore ne sa qualcosa: “Al Milan sono stato quattordici anni e la prima cosa che va trasmessa in queste occasioni è il senso di appartenenza. Giocheranno undici giocatori avvelenati.  Ho giocato con tanti campioni, ma sono gli uomini a fare la differenza. Poi vincerle queste partite da una carica incredibile, basta vedere i nostri risultati dopo il derby di Coppa“.

  •   
  •  
  •  
  •