Milan, offerta araba per l’acquisizione: rischio esclusione dalle Coppe?

Pubblicato il autore: Mattia Emili Segui

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

CESSIONE MILAN, OFFERTA ARABA PER IL CLUB ROSSONERO: CORSA CONTRO IL TEMPO PER YONGHONG LI- Mentre il Milan è impegnato a Londra nel ritorno degli ottavi di Europa League contro l’Arsenal, sul fronte societario regna un clima di incertezza. Il presidente Yonghong Li deve rispettare alcune importanti scadenze da qui a fine stagione, ma il tempo scorre ed il futuro della proprietà cinese potrebbe essere messo in discussione. Molti i temi delicati da affrontare nelle prossime settimane: l’aumento di capitale, il rifinanziamento del debito e i colloqui con la UEFA per negoziare le condizioni di iscrizione alle coppe europee.

Milan, maggioranza araba? Ecco la presunta offerta

In questo clima di incertezza a Milano si rincorrono voci di possibili investitori interessati a rilevare quote del club rossonero. Secondo quanto riportato questa mattina da ‘La Gazzetta dello Sport’ per l’acquisto della maggioranza del Milan si sarebbe fatto avanti Saeed Al-Falasi, appartenente ad una famiglia nobile degli Emirati Arabi e proprietario di Intenational Triangle, gruppo che si occupa di vari settori che vanno dall’edilizia al brokeraggio. La società rossonera fa gola anche ad altri investitori stranieri: secondo la ‘Repubblica‘ seguono da vicino le vicende anche una cordata americana e una russa, capitanata da Alisher Uzmanov, socio di minoranza dell’Arsenal.

Leggi anche:  Maradona Codacons, comunicato shock dell'associazione dei consumatori: "Non santifichiamolo, gli eroi sono altri"

Milan escluso dalle coppe? Decisivo l’incontro con la UEFA

Nonostante una partenza ad handicap, il Milan dopo l’esonero di Montella e l’arrivo di Gattuso ha cominciato ad inanellare successi e riportarsi in corsa per un posto in Champions. Ma per partecipare alle coppe europee il prossimo anno bisogna fare i conti con i parametri imposti dall’UEFA: il prossimo 20 aprile ci sarà un incontro cruciale con la massima organizzazione calcistica europea per discutere il ‘settlment agreement’ (una sorta di patteggiamento) legato al Fair Play Finanziario. Il CdA del Milan lo scorso aprile aveva deliberato un aumento di capitale da 60 milioni, ed entro 2-3 giorni è previsto il versamento degli ultimi 3 milioni, ma quello che preme la UEFA è avere garanzie sul rifinanziamento del debito (circa 370 milioni di euro) con il Fondo statunitense Elliot. Yonghong Li chiederà una dilazione, che comunque non dovrà andare oltre il 30 di giugno, termine per le iscrizioni alle coppe del 2018/19.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: