Juventus, Barzagli: “I tifosi sono venuti ad incoraggiarci”

Pubblicato il autore: Gabriele Tufano Segui


Il difensore della Juventus, Andrea Barzagli, è tornato a parlare quest’oggi ai microfoni di Sky Sport. Il centrale bianconero intervistato da Paolo Aghemo ha affrontato diverse questioni tra le quali: l’incontro con i tifosi avvenuto ieri a Vinovo, il confronto tra Buffon e Benatia dopo la sconfitta con il Napoli, il modo in cui affrontare le ultime e decisive partite della stagione e del suo futuro. Partendo dall’inaspettata visita effettuata dai sostenitori bianconeri, Barzagli ha voluto chiarire che non si è trattato di una contestazione: “Penso che siano venuti per incoraggiarci, hanno fatto una bella cosa. L’hanno sentito un po’ tutti i ragazzi della squadra. Sappiamo l’importanza di questa partita e delle ultime quattro in generale. Siamo concentrati per l’obiettivo. Tensione? Sono uscito e non ho sentito minacce”.

Sul faccia a faccia tra Buffon e compagni al termine del match con il Napoli, Barzagli ha rasserenato tutti dicendo: Non ci sono state scazzottate. C’è stata però amarezza, sapevamo l’importanza della partita e abbiamo perso in casa. C’è stato un giorno per ripensare a cosa era successo, perché abbiamo avuto un giorno libero. Ho visto grande spirito da parte di tutti e voglia di centrare un obiettivo diventato più difficile ma che dipende ancora da noi, visto che abbiamo un punto di vantaggio”.

Rimanendo sulla partita persa contro i partenopei che di fatto ha riaperto la lotta per lo scudetto, il centrale bianconero ha cercato di spiegare che cosa non ha funzionato: “Difficile dire cosa ci è mancato contro il Napoli, ci è mancato un po’ tutto. Raramente è capitato di vedere una prestazione così sottotono da parte nostra, l’abbiamo cancellata, nella nostra testa adesso deve entrare soltanto l’obiettivo di fare una grande partita sabato”. Sulla sua assenza contro la squadra di Sarri, poi, Barzagli ha fatto chiarezza: “Ancora mi dovevo rimettere a posto, cerco di lavorare per essere al massimo e a disposizione di Allegri in queste ultime quattro partite”.

Il difensore della Juventus, poi, ha parlato del modo in cui la  squadra dovrà affrontare la sfida contro l’Inter e le successive quattro sfide: “Cambia qualcosa a livello psicologico, abbiamo maggiori pressioni e alla fine bisogna avere anche più cattiveria nel preparare la partita contro l’Inter. Da qui alla fine abbiamo quattro partite fondamentali, il campionato non si deciderà sabato, ma questa è comunque una partita che vale tanto per noi e anche per i nerazzurri. E’ un big match molto sentito, può darci tanto in caso di risultato positivo. Deve venir fuori l’unione del gruppo, la voglia di vincere che abbiamo avuto in questi anni e che anche quest’anno deve fare la differenza. Chi andrà in campo sabato dovrà dare l’anima. Sappiamo di essere un gruppo, perdiamo e vinciamo tutti insieme. Uomini decisivi? Mi auguro chiunque, anche chi parte dalla panchina. Conta quello che hai dentro, sapendo che ci sarà da soffrire tantissimo e da fare qualcosa in più”.

Sul futuro, infine, Barzagli ammette: “In questo momento sono abbastanza concentrato sul campo, contano queste partite. Il resto si vedrà”.

  •   
  •  
  •  
  •