Roma, Pallotta dona 230mila euro per la fontana del Pantheon. La Raggi ringrazia: “Acceleriamo sullo stadio”

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui
ROME, ITALY - MARCH 02: AS Roma President James Pallotta looks on during the Serie A match between AS Roma and Juventus FC at Stadio Olimpico on March 2, 2015 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

A Roma stanno imparando a conoscere James Pallotta. Che il presidente giallorosso fosse una persona imprevedibile lo si era capito, ma ogni tanto lo statunitense stupisce davvero tutti. Dopo il bagno nella fontana di Piazza del Popolo, ieri, durante l’incontro con la sindaca di Roma Virginia Raggi per la questione nuovo stadio, il numero uno del club capitolino ha ribadito tutte le sue caratteristiche. Prima si è scusato per il tuffo non decoroso e si è detto pronto a pagare la multa, poi, ecco il colpo di genio: donazione da 230 mila euro per la restaurazione della fontana del Pantheon.

Pallotta: dalla donazione al nuovo stadio – Come esposto dalla stessa sindaca, il presidente Pallotta si è proposto per un gesto di vero amore verso la città di Roma. Preso dall’entusiasmo e dall’affetto ricevuto per aver, in qualche modo, fatto la storia del club, ecco la generosità: “Vuole donare 230mila euro per restaurare la fontana del Pantheon. Se lo dice lo fa“, ha confermato la Raggi. Una mossa che unisce, forse, finalmente i romani al presidente americano che, a dirla tutta, prima della partita dell’altra sera era stato persino contestato da una buona parte del popolo giallorosso. Ora però tutto è cambiato e le questioni sgradevoli sembrano per il momento accantonate. Il prossimo passo sono le semifinali di Champions e soprattutto il nuovo stadio: “Voglio ricordare che con questo progetto arrivano 800 milioni di investimenti stranieri in città ed è un’evidente rilancio per l’economia di Roma e del Paese. Stiamo andando avanti a tempi serrati e ce la faremo“, così la sindaca. Pallotta, dal canto suo, aveva già chiesto di accelerare i tempi e dopo l’impresa dell’altra sera chissà che davvero non ci sia un altro stimolo che possa smuovere la situazione e garantire il nuovo stadio alla Roma, entrata di diritto tra le quattro più forti d’Europa.

  •   
  •  
  •  
  •