Serie A 36.a giornata: solite polemiche del sabato, per fortuna c’è Douglas Costa a rubare la scena

Pubblicato il autore: danilotaverniti Segui

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews


La 36.a giornata del campionato di Serie A ha visto scendere in campo Juventus e Milan nei classici anticipi del sabato, bianconeri e rossoneri hanno ottenuto tre punti vitali, rispettivamente contro Bologna e Verona, eppure il sabato è stato di nuovo contraddistinto dalle solite polemiche arbitrali
.

Siamo alle solite, il sabato del campionato italiano non fa di certo mancare le polemiche arbitrali, come sempre quando gioca la Juventus la situazione diventa incandescente e molto rovente. Dopo le dichiarazioni poco pacate di Aurelio De Laurentis che avevano aperto un dibattito polemico molto acceso, anche Donadoni nel dopo gara ci ha messo del suo, stuzzicando la squadra di Allegri. A far discutere è il rigore concesso al Bologna nella prima frazione di gioco, penalty che ha visto molte proteste da parte dei bianconeri verso il direttore di gara.

Un penalty apparso molto dubbio, ma che non cambia in sostanza la situazione, la Juventus ha vinto con la solita rimonta cuore e orgoglio, anche se alla fine si discute sulla rete del momentaneo 2-1 bianconero di Khedira, apparsa irregolare per un fallo del centrocampista ex Real Madrid. Per fortuna c’è Douglas Costa a oscurare tutte queste lamentele inutili e controproducenti, il brasiliano è entrato al 1.o minuto della ripresa e come sempre ha spaccato in due il match. Dai suoi piedi sono partite le azioni migliori, oltre a collezionare due preziosi assist per le reti di Khedira e Dybala, il mancino ex Bayern si sta rivelando il calciatore più importante della rosa bianconera.

Senza il suo apporto in campo la Juventus fa una fatica enorme a costruire occasioni da gol, quando invece lo ritroviamo in campo la musica cambia e gli avversari iniziano a fare gli scongiuri, sperando in una giornata storta del fenomeno brasiliano. Non è un azzardo paragonare Douglas Costa ai vari Messi, Cr7 e Salah, l’unica differenza è che l’esterno verde oro fa fatica in fase di finalizzazione, il tutto è da capire visto e considerato che regala assist a non finire per i compagni di squadra. Al Mondiale che si svolgeranno in Russia il prossimo giugno e il Brasile può contare su un’arma in più, già in rosa i verde oro possono contare su un certo Neymar, se aggiungiamo anche l’esterno bianconero la situazione si fa più che interessante.

Le polemiche sul nostro campionato nelle prossime settimane andranno sicuramente via, la classe e le giocate di Douglas Costa no, quelle rimangono tangibili e saranno l’immagine pulita del nostro calcio. Nelle ultime tre gare il folletto brasiliano ha letteralmente fatto ammattire gli avversari, contro Sampdoria, Inter e Bologna ha praticamente vinto la gara da solo, una volta partito palla al piede nemmeno con il raddoppio di marcatura sono riusciti a contenerlo gli avversari. Lasciamo che le polemiche continuino imperterrite, caro Douglas tu continua a farci sognare con le tue giocate da campione che noi di certo non dimenticheremo, il calcio è magia e tu sai sempre regalare emozioni intense, interpretando al meglio quello sport meraviglioso di nome calcio che fa sognare migliaia di appassionati.

  •   
  •  
  •  
  •