Benatia-Juventus: qualcosa si è rotto, dopo il Napoli solo panchine per lui

Pubblicato il autore: danilotaverniti Segui

Medhi Buffon – Foto Getty Images © selezionata da SuperNews

La 36.a giornata di Serie A ha visto la Juventus fare il passo decisivo verso il settimo Scudetto consecutivo, nelle prossime due gare basterà un punto ai bianconeri per festeggiare, eppure in casa bianconera i problemi non mancano con diversi casi spinosi da risolvere, su tutti quello del difensore Benatia.

Nonostante lo Scudetto vicinissimo in casa bianconera tiene banco la strana situazione di Benatia, da titolare inamovibile a panchinaro di lusso, è questa la parabola che il difensore marocchino sta vivendo. Riavvolgiamo il nastro e torniamo indietro di un paio di settimane, dopo il match Juventus-Napoli si è parlato di un diverbio acceso tra Buffon e Benatia, morale della favola: “Da quella gara il difensore non ha più giocato”. Panchine contro Inter e Bologna, con il rilancio dal primo minuto in pianta stabile di Barzagli e Rugani, considerando che Chiellini ha chiuso anzitempo la stagione per via di un’infortunio. Si sa, le voci alle volte sono inventate o ingigantite, ma in questo caso è lecito chiedersi cosa sia realmente successo nello spogliatoio bianconero e se il difensore ex Roma abbia avuto da ridire anche con Max Allegri.

Leggi anche:  Probabili formazioni Inter Torino: Conte si affida a Lukaku, ancora panchina per Eriksen

Quel che è certo è che in questi casi la società bianconera non perdona nessuno, da anni chi sbaglia paga e viene puntualmente ceduto, non è lontano il ricordo di Bonucci che dopo l’acceso diverbio con Allegri fu spedito in tribuna per una gara e ceduto in estate al Milan. L’impressione è che per Benatia sia arrivato il momento dei saluti, dopo una stagione vissuta da protagonista con ottime prestazioni, gli unici passaggi a vuoto sono stati al Bernabeu contro il Real Madrid e contro il Napoli nel match clou, in questi due match per lui due errori decisivi che la Juventus ha pagato a caro prezzo. Una cosa comunque è certa: “La difesa bianconera senza di lui sta subendo reti ogni gara, ora staremo a vedere se contro il Milan nella finale di Coppa Italia verrà schierato dal primo minuto”.

Leggi anche:  Inter, Lukaku: "Non siamo una grande squadra"

L’impressione è che la sua stagione sia finita anzitempo e che per poterlo vedere in campo dovrebbe arrivare qualche infortunio all’improvviso, con 3 difensori centrali disponibili in rosa, un eventuale infortunio vedrebbe per forza di cose l’ingresso in campo di Benatia. In casa Juventus c’è da risolvere anche lo spinoso caso Asamoah, in questo caso niente da dire a livello comportamentale per il ghanese, il problema è il suo contratto in scadenza e la società bianconera stranamente non ha fatto alcuna proposta di rinnovo. Perdere a parametro zero uno come Asamoah potrebbe essere un grave errore, visto e considerato che in questa stagione ha trovato molto spazio, convincendo sotto tutti i punti di vista con prestazioni veramente al limite della perfezione.

Non bisogna dimenticare che l’ex Udinese è anche in grado di ricoprire tutti i ruoli a centrocampo, uno di quei calciatori duttili che ogni allenatore vorrebbe avere sempre con se’. Infine spazio alla vicenda Marchisio, il principino con Allegri vede il campo con il binocolo, nemmeno quando mancano i titolari viene lanciato nella mischia dal mister toscano. Marchisio è cresciuto nella Juventus, è stato ed è una delle ultime bandiere, ma il rischio di perderlo è sempre più serio, con i tifosi bianconeri che non prenderebbero di certo bene la perdita di uno dei suoi calciatori più amati.

  •   
  •  
  •  
  •