Bonaventura, l’intoccabile di Gattuso gioca sempre al Milan: c’è l’incognita Raiola sul futuro?

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
during the serie A match between AC Milan and SS Lazio at Stadio Giuseppe Meazza on January 28, 2018 in Milan, Italy.

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Bonaventura, il sempre presente del Milan di Gattuso. Durante il match contro il Torino dello scorso 26 novembre aveva avuto un plateale litigio con Vincenzo Montella, dopo che l’ex tecnico milanista l’aveva sostituito. Da quando è cominciata l’era-Gattuso al Milan lui è diventato intoccabile. Giacomo Bonaventura è uno dei giocatori rossoneri con il più alto minutaggio in stagione. Nelle ultime settimane aveva accusato un calo, dovuto anche alle tantissime partite giocate. Domenica scorsa l’ex atalantino è andato a segno contro il Bologna, grazie anche al ritorno in campo di Calhanoglu. I due formano un ottimo tandem sulla fascia sinistra. Jack-Calha garantiscono quantità e qualità alla manovra del centrocampo rossonero. Gattuso punterà certamente su di lui per il match di campionato con il Verona e soprattutto per la finale di Coppa Italia del 9 maggio contro la Juventus.

Leggi anche:  Fiorentina, all-in su Piatek per gennaio

Nell’ultima finale a tinte biancorossonere, a Doha per la Supercoppa Italiana, fu proprio Bonaventura a segnare il gol dell’1-1 dopo il vantaggio juventino di Chiellini. In quell’occasione l’ex atalantino giocò da esterno d’attacco, mentre con Gattuso ha sempre giocato da mezzala. Un ruolo che si sente ormai addosso, cucitogli prima da Montella e poi da Ringhio. Bonaventura gioca in una posizione molto delicata, in una zona del campo da cui dipende l’equilibrio di tutta la squadra. Il numero 5 del Milan è bravo a inserirsi, ma anche a contrastare i dirimpettai di centrocampo. Qualità che piacciono a due ex centrocampisti come Eusebio Di Francesco e Max Allegri. In particolare l’allenatore della Juventus avrebbe già messo il nome di Bonaventura sulla lista della spesa del prossimo mercato bianconero.

Bonaventura, incognita Raiola per il suo futuro al Milan

Ancora due anni di contratto, con accordo rinnovato nel gennaio 2017.  Questa la situazione contrattuale di Bonaventura al Milan. Non ci sarebbe nulla da segnalare, se non fosse che il procuratore dell’ex Atalanta è Carmine Raiola, detto Mino. Quando Bonaventura ha rinnovato con il Milan, c’era ancora Adriano Galliani al timone milanista. Ora invece c’è Massimiliano Mirabelli, che ha rapporti piuttosto tesi con Raiola. Eufemismo. La situazione di Bonaventura quindi potrebbe avere risvolti imprevisti.

Leggi anche:  Juventus, gara importante: primato e sorteggio più agevole

Il Milan non sembra avere in agenda un ulteriore rinnovo per Bonaventura. Ma a 29 anni e con soli due anni di contratto sarebbe il caso di affrontare l’argomento. Soprattutto se si pensa che Roma e Juventus hanno cominciato già a sondare il terreno con Raiola. Appare però complicato pensare a incontri Mirabelli-Raiola per cominciare a gettare le basi per un possibile allungamento del contratto di Bonaventura. L’ex atalantino è un intoccabile per Gattuso. Resta da capire se lo sarà anche per la società rossonera. Davanti a offerte interessanti si dovrà valutare bene come comportarsi. “E’ fondamentale non sbagliare le prossime tre-quattro scelte sul mercato”, così parlo Ringhio. Magari la vittoria di un trofeo potrebbe sistemare le divergenze tra Mirabelli e Raiola. Almeno per un po’. Poi in estate tutto potrebbe tornare in discussione. Come accade ogni anno.

  •   
  •  
  •  
  •