Milan, in arrivo multa dall’UEFA. Fininvest potrebbe essere la soluzione, ma Berlusconi…

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Il Milan sta entrando in una fase molto importante della sua stagione, non solo per quanto riguarda il presente bensì soprattutto per il futuro. Prima la gara casalinga contro la Fiorentina che potrebbe valere, in caso di successo, l’accesso diretto alla prossima edizione dell’Europa League, poi l’attesa per le sanzioni che sicuramente arriveranno da parte dell’UEFA in merito alla questione del Fair Play Finanziario. In casa rossonera dunque sono ore bollenti che potrebbero presto diventare infuocate. Questo il possibile scenario: la sanzione dell’organo amministrativo, organizzativo e di controllo del calcio europeo, che sicuramente arriverà, potrebbe spingere i rossoneri a chiedere aiuto a Fininvest, la holding dell’ex presidente Silvio Berlusconi.

Milan, la multa è certa

Dopo aver rifiutato la proposta rossonera di Voluntary Agreement, si attendono risposte in merito al Settlement Agreement proposto dall’amministratore delegato Marco Fassone. Quello che è certo, è però che l’UEFA agirà sanzionando il Milan. Resta da capire l’entità della multa. Questa potrebbe aggirarsi sui 15-20 milioni di euro, non una cifra esagerata, e avere un’applicazione uguale a quella avvenuta per Inter e Roma: un terzo da pagare subito, il resto sospeso con la condizionale, da versare solo nel caso in cui non vengaro rispettati certi paletti.

Leggi anche:  Lele Adani a Napoli, in ricordo di Diego Maradona

Milan, Fininvest in soccorso?

Secondo quanto riporta La Gazzetta dello Sport, il presidente del Milan Yonghong Li starebbe pensando ad un ritorno al passato. Il numero uno del club di Via Aldo Rossi starebbe valutando la possibilità di bussare alla porta dei precedenti proprietari, Fininvest, per chiedere di condividere la sanzione e avere una parte della somma. La risposta però, da parte di Silvio Berlusconi, potrebbe essere negativa in quanto, come da accordi, il nuovo proprietario cinese ha assunto tutti gli onori del caso ma anche gli altrettanti oneri.

  •   
  •  
  •  
  •