Sarri replica al presidente De Laurentiis: “Lui non è contento ? Io ho la coscienza a posto”

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui
Sarri

(Foto di Maurizio Lagana/Getty Images – scelta da Supernews )

Sarri, la sua avventura all’ombra del Vesuvio sembra essere giunta ai titoli di coda. Il pareggio di questo pomeriggio contro il Torino rappresenta di fatto la goccia che ha fatto traboccare il vaso in casa Napoli, che sta attraversando nelle ultime ore una situazione davvero surreale.
Nel giro di poche settimane i partenopei sono passati dall’essere ad un passo dal terzo scudetto della loro storia al buttar via una stagione che, al netto delle scialbe apparizioni nelle coppe europee, seppur con l’intrigante lotta per il tricolore in corso fino a qualche domenica fa, davvero verrà ricordata per altro.
Il futuro di Sarri sembra essere sempre più lontano dal capoluogo campano: se poi aggiungiamo le dichiarazioni del presidente della compagine azzurra, Aurelio De Laurentiis, che sembra mettere il tecnico partenopeo alle strette, la situazione così si aggrava ulteriormente.
A margine della sfida interna di oggi contro i granata, Sarri si presenta deciso ai microfoni di Premium Sport per replicare a quelle dichiarazioni presidenziali che hanno fatto più rumore del previsto. E lo fa alla sua maniera, manifestando apertamente il suo punto di vista.

La replica di Maurizio Sarri al presidente Aurelio De Laurentiis

Intervenuto ai microfoni della Mediaset, al termine della gara pareggiata contro il Torino, Maurizio Sarri ha esposto il suo pensiero in merito alle affermazioni del presidente partenopeo: “Al presidente non devo replicare niente – esordisce il tecnico campano –: mi ha fatto vivere un’avventura straordinaria che è quella di allenare la squadra che tifavo da bambino. Mi dispiace se non è contento, io ho la coscienza a posto, ho cercato sempre di fare il meglio per la squadra, quindi mi spiace ma fino a un certo punto.
Sarri inoltre ha voluto precisare in merito ai rumors sul suo futuro: “Non rifletto sul mio futuro per quello che ha detto il presidente: anche se dovessi rimanere qui so che De Laurentiis – afferma l’allenatore del Napoli – un’esternazione del genere ogni tanto la farebbe, sono abituato, non ci rimango male. Mi spiace più per Spalletti, nel caso“.
Il tecnico campano esprime la sua gratitudine per la tifoseria napoletana: “Questa è una piazza stupenda, con 50 mila tifosi che ci hanno incitato per tutta la partita, quindi da questo punto di vista un allenatore o un giocatore non potrebbero chiedere di più“, continua Sarri.

Infine su Sky il tecnico partenopeo espone le sue considerazioni sugli acerrimi rivali alla luce della rosa di calciatori a sua disposizione: “Il Napoli sotto certi punti di vista non è attrezzato per competere con la Juventus. Abbiamo fatto un campionato straordinario – sottolinea Sarri -. E sfortunato, perché in 4’ di partita siamo passati dal sorpasso ad essere sotto di 4. Un pizzico di sfortuna negli infortuni: Milik e Goulam sono mazzate difficili da contenere a livello di danno. Abbiamo preso 17-18 pali… Con più fortuna saremmo stati più competitivi – continua -, ma dobbiamo essere contenti di quello che abbiamo fatto. La Juve ha fatto un campionato senza mai dare la sensazione di avere flessioni importanti: con una rosa come la loro, senza un loro calo diventa dura“.

  •   
  •  
  •  
  •