Maradona accusa il ct Sampaoli: “La nazionale argentina è stata martoriata”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui

Lionel Messi – Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Le accuse di Maradona. In Argentina si respira una brutta aria dopo la clamorosa sconfitta della nazionale guidata dal ct Jorge Sampaoli contro la Croazia nella seconda giornata dei Mondiali di Russia 2018. Gli argentini saranno costretti a vincere contro la Nigeria e sperare che l’Islanda non faccia altrettanto per evitare una clamorosa eliminazione al primo turno. La batosta subita contro i croati ha lasciato numerosi strascichi tra i tifosi e i media del paese sudamericano. In particolare, Diego Armando Maradona si è lasciato andare a pesanti critiche dinanzi ai microfoni di TelesurIl Pibe de Oro si è espresso come al solito senza peli sulla lingua: “Provo una rabbia indescrivibile perché chi ha indossato quella maglia anche solo una volta, non può vederla martoriata da una squadra come la Croazia, che non è la Germania, non è il Brasile, non è l’Olanda o la Spagna. Il problema siamo sempre noi, non l’avversario. Mi piacerebbe capire se nello spogliatoio si siano presi a pugni oppure no. Se non è successo è perché non ci sono gli attributi. Se qualcuno ha dovuto mettere del ghiaccio sul volto va bene “.

Sampaoli il principale responsabile della debacle. Il ct argentino insieme alla federazione vengono accusati duramente da Maradona che, allo stesso tempo, difende Messi per le sue scarse prestazioni in campo: “Prima di tutto il presidente della Federcalcio argentina, Claudio Tapia. Lì comanda chi di calcio non sa nulla e hanno lasciato l’Argentina allo sbando. Poi Sampaoli: tutti credevano-continua Maradona che avrebbe risolto i problemi di gioco con i computer, i droni, i 14 aiutanti, i 25 sparring partner… invece l’Argentina non sa come gioca, non ha una soluzione per ciascuna parte del campo. Non crea occasioni, non vince i contrasti, non ha mai il pallone. Messi? Ha giocato come doveva e poteva, non può risolvere tutti i problemi anche per i compagni di squadra”. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  È morto Diego Armando Maradona