Udinese, Musso si presenta: “Qui per una grande stagione”

Pubblicato il autore: Gioacchino Lepre Segui
VERONA, ITALY - JANUARY 05: Udnese players celebrates after Nenad Tomovic of Chievo Verona own goal during the serie A match between AC Chievo Verona and Udinese Calcio at Stadio Marc'Antonio Bentegodi on January 5, 2018 in Verona, Italy. (Photo by Dino Panato/Getty Images)

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

E’ il giorno di Juan Musso in casa Udinese. L’ex portiere classe 94′ del Racing Avellaneda – di fatto neo acquisto dei friulani durante questa sessione estiva di calciomercato – si è presentato così ai suoi novi tifosi: “L’interesse dell’Udinese mi ha subito entusiasmato. È un club famoso per la sua storia. Quando ho saputo del loro interesse non ho mai dubitato. Ora sono qua, disposto a continuare, a migliorare continuamente e a fare una grande stagione. Con il tempo potrete vedere chi è Musso. La serie A è estremamente competitiva, l’arrivo di Cristiano Ronaldo potenzia il campionato ancora di più”.

Non manca, dunque, un cenno all’acquisto del secolo – così ribattezzato il passaggio dal Real Madrid alla Juventus di Cristiano Ronaldo – da parte del giovane portiere argentino, che nella presentazione odierna da nuovo giocatore dell’Udinese (a fianco del direttore tecnico Daniele Pradè) si apre a diverse tematiche inerenti alle sue caratteristiche da portiere (Musso noto in patria come portiere ‘para rigori’), ed alla differenza fra il campionato italiano e quello argentino.

Leggi anche:  Dove vedere amichevole Inter-Pergolettese, streaming e diretta TV Sky?

Le caratteristiche fra i pali

Carattere, presenza, attenzione nell’arco dei 90 minuti e crescita costante; questi e molti altri gli imperativi dell’ex portiere del Racing, che alla domanda circa le caratteristiche ideali di un portiere risponde così: “Credo che la cosa più importante per un portiere sia il carattere, dev’essere sempre presente in tutti i momenti. Lavoro molto per migliorare con i piedi e con il gioco aereo, voglio crescere sotto ogni aspetto, penso che con il tempo tutti i tifosi dell’Udinese impareranno a conoscermi e capiranno chi è Musso”.

Musso portiere para rigori

Abile nel duello dagli undici metri, Juan Musso si è conquistato in patria la nomina di portiere para rigori: ” Sì è vero non ho subito molti gol su calcio di rigore, credo che pararli sia ormai un aspetto molto importante nel calcio di oggi, adesso si possono reperire molte informazioni sui tiratori e con il preparatore dei portieri mi allenerò molto sotto questo aspetto”.

Leggi anche:  Dove vedere amichevole Inter-Pergolettese, streaming e diretta TV Sky?

Differenze tra i campionati

La serie A rappresenta un banco di prova determinante per molti talenti sudamericani. Dal campionato italiano, infatti, sono passati diversi fuoriclasse argentini – alcuni con qualche difficoltà iniziale d’ambientamento, proprio perché la serie A è un campionato complesso – che con il tempo, però, hanno comunque dimostrato la loro caratura: “So che la Serie A è un campionato molto difficile per un portiere, bisogna avere molta tecnica tra i pali. Il campionato argentino e quello italiano però in realtà sono simili, perché in entrambi è forte la pressione”.

Su Ignacio Pussetto

Intanto – oltre all’acquisto dell’estremo difensore Juan Musso – il mercato dell’Udinese continua a danzare al ritmo di tango argentino: il club friulano, infatti, ha chiuso per l’attaccante esterno dell’Huracan Ignacio Pussetto. Il calciatore argentino classe 95′ – operazione da 8 milioni di euro quella relativa al suo trasferimento in bianconero – ha chiuso la sua ultima stagione con 9 reti e 7 assist all’attivo con la maglia dei Quemeros . Juan Musso – che  conosce bene Pussetto – nella conferenza stampa di oggi lo descrive brevemente così: “È un calciatore molto rapido, un grande pericolo per tutte le difese, giocatore molto completo“.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: