Bologna-Inter: Nainggolan debutta in nerazzurro. Spalletti lo schiera in attacco

Pubblicato il autore: Giulia Sbaffi Segui
during the Serie A match between FC Internazionale and UC Sampdoria at Stadio Giuseppe Meazza on October 24, 2017 in Milan, Italy.

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Dopo l’avvio di campionato da incubo, l’Inter non può fallire il prossimo appuntamento. La squadra di Spalletti è riuscita a raggranellare un solo punto nelle prime due giornate e non può permettersi di perdere altro terreno dalla testa della classifica. Juventus e Napoli, oltre alla sorprendente Spal stanno viaggiando a punteggio pieno e cinque punti di ritardo sono già un bel fardello per la squadra nerazzurra.

Un inizio deludente per l’Inter, già cinque punti di ritardo dalla vetta

A preoccupare i tifosi dell’Inter sono le due prestazioni offerte nella gara inaugurale con il Sassuolo e nel successivo match di San Siro contro il Torino. Una prestazione scialba quella dell’esordio, che poteva essere classificata come un semplice passo falso. Nel primo tempo con il Torino la squadra di Spalletti ha offerto un’ottima prestazione: buone trame di gioco e zero rischi in difesa. Il crollo repentino del secondo tempo, nel corso del quale i granata hanno recuperato il doppio svantaggio, rischiando addirittura di vincere, ha fatto cadere nello sconforto tutti i tifosi nerazzurri. Sul banco degli imputati, oltre al tecnico Luciano Spalletti, è finito anche Samir Handanovic, mai oggetto di critiche da parte del pubblico di San Siro. D’altra parte, anche nei periodi più brutti dell’Inter, il portiere è sembrato essere una delle poche certezze in casa nerazzurri. Ma nella partita con il Torino l’estremo difensore sloveno si è reso protagonista di una clamorosa papera che ha causato il gol di Belotti, spianando la strada alla rimonta granata. La solita Inter, si potrebbe dire: molti opinionisti si stanno rimangiando in queste ore l’appellativo di anti-Juve assegnato alla squadra guidata da mister Spalletti. Lo stesso tecnico toscano, nel dopo-partita, non ha potuto nascondere le difficoltà, definendo l’Inter come l’anti-nessuno. Un bagno d’umiltà ma anche il tentativo di togliere pressione ai propri giocatori.

Per il rilancio dell’Inter è pronto Nainggolan

È chiaro che ancora presto per esprimere giudizi definitivi. D’altra parte sono passate solamente due
giornate di campionato. C’è dunque ancora tempo per risollevarsi e l’occasione arriva già dalla prossima
giornata di campionato. I nerazzurri affronteranno il Bologna guidato da Filippo Inzaghi. Mister Spalletti sta
pensando all’inserimento di alcune novità nella formazione. In primo luogo si registra il rientro di Radja
Nainggolan. Il belga non ha ancora debuttato in campionato con la maglia nerazzurra a causa di un fastidio
infortunio rimediato nel pre-campionato. Per il suo debutto Spalletti sta pensando di schierarlo in attacco,
come trequartista insieme a al croato Perisic, dietro l’unica punta Icardi. Fuori dunque Politano e ancora
panchina per l’argentino Lautaro Martinez. Il tecnico nerazzurro deve fare i conti con il recupero di Kwadwo
Asamoha, ancora in ritardo. Al posto dell’ex juventino è pronto il brasiliano Dalbert.

Questo la probabile formazione dell’Inter (3-4-2-1): Handanovic; D’Ambrosio, De Vrij, Skriniar; Vrsaljko,
Vecino, Brozovic, Dalbert; Nainggolan, Perisic; Icardi.

Dall’altra parte il tecnico dei felsinei Filippo Inzaghi dovrebbe rilanciare in attacco Mattia Destro, con Placio
fuori per infortunio. Ecco la probabile formazione del Bologna (3-5-2): Skorupski; Gonzales, Danilo,
Helander; Mattiello, Poli, Pulgar, Dzemaili, Dijks; Falcinelli, Destro.

La gara avrà inizio sabato 1° settembre alle ore 18.00 allo stadio Renato Dall’Ara. Diretta esclusiva Sky
Sport.

  •   
  •  
  •  
  •