Lazio, serve una reazione immediata. Milinkovic-Savic continua a far discutere

Pubblicato il autore: danilotaverniti Segui
BOLOGNA, BOLOGNA - OCTOBER 25: Sergej Milinkovic Savic of SS Lazio celebrate a opening goal during the Serie A match between Bologna FC and SS Lazio at Stadio Renato Dall'Ara on October 25, 2017 in Bologna, Italy. (Photo by Marco Rosi/Getty Images)

(Photo by Marco Rosi/Getty Images© selezionata da SuperNews )

La Lazio di Simone Inzaghi esce con le ossa rotte dall’Allianz Stadium e si lecca le ferite, visto e considerato che in due gare di campionato sono arrivate altrettante sconfitte. Certo, a parziale scusante dei biancocelesti c’è il calendario ostico, con Napoli e Juventus affrontate in questo scorcio iniziale di stagione. In tutto ciò non bisogna dimenticare che la Lazio nella passata stagione in queste gare dava il meglio di se’, come dimostrano i successi in Supercoppa e campionato contro la squadra di Max Allegri.

La squadra laziale si è mossa bene nei primi 25 minuti, prima di sparire inspiegabilmente dal campo e concedere continuamente il fianco agli avversari. E’ mancata la personalità, oltre alla giornata no di calciatori del calibro di Immobile, Luis Alberto e Milinkovic-Savic. Senza dubbio il più deludente è stato proprio il talento serbo, in quanto ha replicato la prestazione incolore della prima giornata contro il Napoli. Il calciatore continua a passeggiare lungo il campo senza incidere, e l’impressione è che al momento oltre alla forma fisica manchino gli stimoli necessari per far bene.

Forse Simone Inzaghi dovrebbe iniziare a farlo partire dalla panchina, per stimolarlo nuovamente e fargli capire che nessuno ha il posto garantito in squadra. Staremo a vedere se Milinkovic-Savic tornerà a far parlare di se’ per le grandi prestazioni in campo, nel frattempo, la Lazio deve immediatamente rialzare la testa e cercare i primi punti in campionato. Da questo momento sarà severamente vietato fallire, onde evitare di creare un clima teso sia nell’ambiente che nello spogliatoio.

  •   
  •  
  •  
  •