Berlusconi acquista il Monza. Il presidente Colombo conferma: “Gli cedo il 95% del club”

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Silvio Berlusconi torna in campo ed è pronto ad acquisire il Monza: l’ex premier, dopo l’importante trascorso con il Milan, con il quale ha vinto un’infinità di trofei, si cimenterà a breve in questa nuova esperienza con la società militante nel campionato di Serie C.
Nelle ultime ore, sono circolate le indiscrezioni della concreta possibilità di chiudere l’affare: a riferirlo in anteprima è lo stesso presidente del club lombardo Nicola Colombo, che ha affermato che Berlusconi acquisterà a breve il 95% del Monza e non più solo il 70%, come precedentemente annunciato.

Silvio Berlusconi nuovo proprietario del Monza

Per il Monza si profilerà a breve un importante cambio ai vertici societari: Berlusconi chiuderà a breve la trattativa per l’acquisizione del 95% del club. All’attuale patron Nicola Colombo resterà solamente il 5%, percentuale di gran lunga inferiore rispetto a quella originariamente prevista del 30%: per lo stesso presidente “cambia veramente poco, avrei comunque avuto la minoranza delle quote“.
Per la panchina Berlusconi sogna in grande: unitamente al fedelissimo Adriano Galliani, l’ex premier starebbe pensando di chiudere con Cristian Brocchi, ex milanista sia da calciatore che da allenatore, prima degli Allievi e della Primavera, poi della prima squadra.

Leggi anche:  Espulsione Ibra: cosa ha deciso il giudice sportivo. Tutti gli squalificati

Per l’attuale presidente Colombo, tuttavia, con l’approdo di Berlusconi la sua uscita dal club avverrà in modo graduale: è lo stesso patron a confermarlo in un’intervista rilasciata a Il Giorno. “Ci tengo a essere parte attiva nel Monza in questa stagione perché in campo sta andando una squadra forte che abbiamo progettato in questi anni con passione e sacrificio. Anche domenica – continua – nella vittoria contro la Feralpi Salò si è visto che questo Monza può essere protagonista. Poi se la nuova proprietà farà dei correttivi per rinforzarci ulteriormente ben venga. Ma già cosi siamo molto competitivi“.

  •   
  •  
  •  
  •