Frosinone-Juventus, bianconeri cinici e pazienti con Cristiano Ronaldo-Bernardeschi

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

La Juventus non perdona e soprattutto non ha alcuna intenzione di concedere briciole agli avversari. Con tenacia e pazienza, la banda guidata da Massimiliano Allegri supera per 0-2 il Frosinone, issandosi, così, a quota 15 in classifica, a punteggio pieno dopo cinque giornate di campionato. Sin da subito è apparsa evidente la netta differenza tecnica e qualitativa tra le due compagini.

Da una parte i ciociari, attenti prevalentemente alla fase difensiva, con otto uomini disposti dietro la linea di centrocampo, ben a ridosso della propria area. Dall’altra una Vecchia Signora che ha spinto costantemente, mantenendo alta la concentrazione, senza mai dare segnali di nervosismo quando il punteggio era bloccato sullo 0-0. Occasioni a raffica per i bianconeri che attraverso manovre oculate ed un gioco sviluppatosi soprattutto lungo le corsie laterali, hanno tentato di trovare spazi laddove il Frosinone aveva creato, volutamente, un ingorgo. A spezzare l’equilibrio del match è stato Cristiano Ronaldo, abile nel capitalizzare al meglio una carambola all’interno dell’area gialloazzurra. Per il campione portoghese, autore di una prestazione più che soddisfacente, si tratta del terzo centro in A.

Al 94′, poi, a chiudere definitivamente i giochi ci ha pensato Federico Bernardeschi, subentrato al 56′ al posto di Bentancur, e protagonista di una performance tra le migliori in campo. La Juventus, quindi, torna a casa con i tre punti in tasca, la consapevolezza di non aver snobbato l’avversario e di aver ottenuto  il massimo contro un Frosinone arcigno e scorbutico, intento a concedere un ristretto margine d’azione ai campioni d’Italia in carica.

In attesa della sfida casalinga di sabato 29 settembre contro il Napoli, i bianconeri affronteranno, nel turno infrasettimanale, sempre all'”Allianz Stadium“, il Bologna, rivitalizzato dopo il successo ottenuto con la Roma, motivo per cui saranno chiamati ad un impegno da disputare con acume ed intelligenza, proseguendo lungo questo cammino che gradualmente sta soppiantando le dirette concorrenti. Al momento, l’unica squadra in grado di tenere il passo di CR7 e compagni è proprio il Napoli, mentre l’Inter è distante otto punti, il Milan e la Roma addirittura dieci. Bianconeri cannibali ed insaziabili, è questo lo specchio emerso dal match del “Benito Stirpe“.

Intervistato al termine della gara, ecco alcune delle dichiarazioni più interessanti rilasciate dall’allenatore juventino, Massimiliano Allegri: “Ci aspettavamo una partita del genere, sapevamo che se non l’avremmo sbloccata subito sarebbe stata difficile. Nel secondo tempo abbiamo avuto pazienza e a suon di cross e buone giocate abbiamo trovato il gol. Nella ripresa ho riportato Pjanic in mezzo e siamo andati meglio. Bernardeschi è entrato molto bene, con Emre Can davanti alla difesa può giocare anche da mezzala. Meno con Pjanic“. Infine un commento sul Napoli, ovvero l’unica compagine in grado di restare sulla scia dei bianconeri, distanziata di tre punti: “Non mi stupisce che ci siano in scia. Ha già battuto grandi squadre ed aggiunto un allenatore vincente ed equilibrato. Dovremo essere bravi a tenere più indietro le altre che si sono già staccate“.

  •   
  •  
  •  
  •