Il Bologna infierisce sulla Roma, il 2-0 esalta Inzaghi e fa sprofondare Di Francesco

Pubblicato il autore: Daniele DAgata Segui

Filippo Inzaghi – Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

E’ un Bologna vero, un Bologna nuovo, quello che ha battuto la Roma per due reti a 0 al Dall’Ara. E’ un Bologna fenomenale, un Bologna sbalorditivo, un Bologna travolgente, la Roma è stata travolta, battuta, umiliata.

E’ un Bologna che ha ritrovato l’autostima, un Bologna rinato, compatto e unito, quello che ha saputo vincere una sfida importantissima per la classifica. E’ un Bologna che ha sopreso tutti, con una prestazione davvero maiuscola, un Bologna che ha saputo risolvere i propri problemi in attacco, problemi gravi e seri del reparto offensivo, trovano i gol con un difensore: Mattiello, un gran gol di sinistro a giro, che ha battuto il portiere nemico, e Santander, in contropiede. Dal lato opposto è una Roma senza volto, senza identità, senza carattere, una Roma che non ha saputo ancora smaltire la batosta di Madrid, deve ripartire da zero, ritrovando i propri equilibri tattici e tecnici, organizzazione di gioco, verve agonistica, solidità difensiva, voglia di combattere e di lottare. Filippo Inzaghi ha avuto ragione, contano i fatti, il rendimento del Bologna è stato superiore alle attese, buona la prova di Svanberg, che ha mostrato buone caratteristiche di personalità e di gioco.

Leggi anche:  Torino corsaro ad Udine: Belotti sbanca il Friuli

E’ un Bologna che ha saputo trovare la quadratura del cerchio, Saputo sarà contento, è un Bologna che di fatto è una grande squadra, ha battuto infatti una big, una squadra blasonata come la Roma. E’ un Bologna che deve salvarsi, è vero, ma dopo questo risultato può puntare più in alto. La prossima partita è contro la Juventus, partita difficile, partita impossibile, ma nel calcio può succedere di tutto. E’ un Filippo Inzaghi vincitore e glorioso, un Filippo Inzaghi modesto, quello che è apparso ai microfoni di Sky, un Filippo Inzaghi che sa che la strada è ancora lunga e bisogna rimboccarsi le maniche.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,