Maradona lascia la Bielorussia: i messicani del Dorados De Sinaloa la sua nuova squadra

Pubblicato il autore: Andrea Riva Segui

Foto Getty Images© scelta da SuperNews


Diego Armando Maradona
, che lo scorso luglio aveva deciso di andare in Bielorussia provocando eccitazione arrivando con un enorme veicolo blindato, era presidente e allenatore della Dinamo Brest squadra di prima divisione. La sua avventura però è già finita visto che l’argentino ha già cambiato idea e andrà allenare in Messico i Dorados De Sinaloa, squadra che si trova a Culiacan nello stato di Sinaloa e che partecipa al campionato di seconda divisione (Liga de Ascenso De Mexico), dove attualmente è terzultima in classifica.
L’ex Pibe de Oro prenderà il posto dell’esonerato Paco Ramirez che in sei partire ha ottenuto tre pareggi e tre sconfitte, per cui la società ha deciso di dare una sterzata alla stagione appena cominciata prima che sia troppo tardi.

Per il club messicano non è un colpo solo per il presente: appena c’è stata la possibilità il presidente non ci ha pensato due volte e ha voluto chiudere subito l’affare (mediatico) affondando il colpo in poco tempo, sperando che porti più visibilità ed entrate economiche in futuro.

Nonostante la grande carriera da calciatore, Maradona come allenatore ha avuto scarsi risultati, prima con la sua nazionale, poi negli Emirati Arabi con l’Al-Wasl Sports Club e infine sempre nella penisola araba con il Dibba Al-Fujairah SC.

I Dorados De Sinaloa, club fondato nel 2003, ha vinto per quattro volte il campionato di seconda divisione (Apertura 2003, Clausura 2007, Clausura 2015, Apertura 2016) e la Coppa del Messico nel 2012; la curiosità vuole che è stato l’ultimo club di Pep Guardiola prima di appendere gli scarpini al chiodo: infatti nel 2006 lo spagnolo giocò per sei mesi collezionando 10 presenze con un gol.

Dalle parti di Culiacan sperano che possa essere di buon auspicio e che Maradona possa essere finalmente la svolta.

  •   
  •  
  •  
  •