Serie A: dopo Milan-Roma ecco gli altri anticipi della 3^giornata

Pubblicato il autore: Francesco Perna Segui

Gonzalo Higuain – Foto Getty Images© per SuperNews

L’ultimo turno prima della sosta per le Nazionali è iniziato sotto il segno dei sorteggi per Champions ed Europa League. Le nostre squadre hanno conosciuto i rispettivi percorsi europei durante i sorteggi di Montecarlo. In Champions League si poteva immaginare che il cammino sarebbe stato complicato per le italiane, anche perché il nuovo format ha innalzato in modo considerevole il tasso tecnico della competizione. In Europa League invece per Lazio e Milan non sarà così semplice e scontato come solitamente eravamo abituati a vedere.

Ad aprire questa terza giornata sono state Milan e Roma.  A San Siro, in una gara giocata a livelli molto alti per lunghi tratti di gara, i rossoneri vincono un match che può valere tanto per questo inizio di stagione. Una vittoria sofferta perché raggiunta al 95′, ma nel complesso meritata e che dona tranquillità al tecnico milanista, attore protagonista di questo successo.  Anche se gli incubi di Napoli sembravano riaffiorare dopo il pareggio di Fazio e il gol giustamente annullato dal VAR per il fuorigioco di Higuain. Ma gli uomini di Gattuso reagiscono da grande squadra e nell’extra time gli sforzi vengo ripagati dal gol di Cutrone
Per la Roma un colpo durissimo, ma bisogna dare tempo alla squadra e all’allenatore. Gli addii di Naingolan e Strootman pesano in questo inizio di campionato ed è normale che Di Francesco dovrà lavorare molto per trovare i meccanismi giusti a centrocampo.
Il sabato di Serie A si aprirà al Dall’Ara alle 18 con Bologna – Inter. Una sfida molto delicata per entrambe le squadre che hanno vissuto un’inizio di stagione difficile. I nerazzurri dopo la sconfitta di Reggio Emilia e il pari casalingo contro il Toro, vogliono tre punti per non perdere ulteriore terreno essendo da ieri sera anche dietro al Milan. Dovrebbe essere il grande giorno di Naingolan, tanto atteso da Spalletti che ha bisogno delle qualità del belga per cercare di ottimizzare e innalzare il livello tecnico della squadra.
I felsinei ancora a secco di gol, vogliono provare a dare una scossa per cercare di uscire da un periodo buio che nelle ultime 14 partite ha visto i rossoblu vincere soltanto un match. Per trovare il primo gol Pippo Inzaghi dovrebbe optare per la coppia Falcinelli e Santander, ma attenzione a Destro che potrebbe insidiare l’ex Copenaghen.
A 100 km di distanza andrà in scena Parma – Juve, una sfida che a metà degli anni ’90 valeva per la corsa al campionato. I bianconeri vogliono chiudere a punteggio pieno, ma l’attenzione dovrà essere molto alta anche perché storicamente la trasferta emiliana è stata molto difficile per i bianconeri che con Allegri in panchina persero nell’ultimo match giocato prima della retrocessione parmense.
Soliti dubbi di formazione e modulo per i campioni d’Italia. Per il tecnico livornese è una normalità variare uomini e modificare gli assetti tattici in base all’avversario che si trova di fronte, non solo prima, ma soprattutto a gara in corso.
Sarà una serata importante per i tifosi ducali che dopo tre anni torneranno a respirare aria di grande calcio al Tardini. Il compito per gli uomini di D’Aversa sarà ancor più gravoso visto i tanti infortuni a cui si aggiunge Gervinho che potrebbe non partire titolare dopo l’affaticamento accusato mercoledì. Rigoni sembra essere in leggero vantaggio su Barillà, mentre Grassi dovrebbe partire nell’undici titolare.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Highlights Castrovillari ACR Messina 1-3: la capolista si impone al Mimmo Rende