Ziliani polemico su Twitter: “Il Var è diventato uno strumento a uso e consumo della Juventus”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Ziliani, che attacco alla Juventus. Non si placano le polemiche per gli errori arbitrali che hanno condizionato le prime giornate della Serie A 2018/19. Il Var sembra esser stato dimenticato dai direttori di gara che sempre più’ spesso decidono di non avvalersi dell’ausilio tecnologico. Tra le squadre più danneggiate vi è sicuramente l’Inter che, dopo aver subito sviste evidenti contro il Sassuolo e il Parma, si è vista annullare due reti con il Var nell’anticipo di ieri sera contro la Sampdoria. Un utilizzo incoerente della tecnologia che ha suscitato la reazione polemica di Paolo Ziliani. Il giornalista de Il Fatto Quotidiano ha risposto così al tweet del collega Giovanni Capuano: “Ma è dal 1 ottobre 2017, Atalanta-Juventus 2-2, proteste isteriche della Juventus dopo un gol di Mandzukic (che sarebbe stato quello dell’1-3) annullato per precedente gomitata di Lichtsteiner, che il VAR in Serie A è stato abolito. Si usa per come fa più comodo.”

Ziliani e l’utilizzo incoerente del Var. Già nella passata stagione il giornalista sportivo aveva manifestato il suo pensiero sulla questione. Dopo i clamorosi errori arbitrali di Orsato in Inter-Juventus dello scorso aprile, Ziliani scriveva così su Il Fatto Quotidiano: Così, senza che nessuno se ne accorgesse, all’età di due mesi il neonato Var venne ucciso nella culla (salvo piangere lacrime di coccodrillo e perorarne l’utilizzo in Champions dopo l’eliminazione della Juve al Bernabeu, attribuita da Agnelli a risibili errori arbitrali); solo che per farlo fu necessario eliminare anche il fratellino: e cioè il Regolamento. Che smise da allora di esistere, naturalmente solo per la Juventus. Correva la stagione 2017-2018. Il calcio italiano moriva un’altra volta e un’altra volta nessuno diceva niente”. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Milan, pronto il rinnovo per Kessie fino al 2026
Tags: ,