F1, Ferrari: Maurizio Arrivabene tra i candidati per sostituire Marotta alla Juventus

Pubblicato il autore: Nicola Biagi Segui

Maurizio Arrivabene – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Giuseppe Marotta determinato a lasciare la Juventus il prossimo 25 Ottobre alla fine del suo mandato
Dopo l’intenzione dichiarata di Giuseppe Marotta di lasciare il posto da amministratore delegato della Juventus il prossimo 25 Ottobre alla fine del suo mandato, in casa bianconera si pensa già al dopo Marotta. Il dirigente che approdò alla Juventus dopo aver svolto un grande lavoro con la Sampdoria venne portato in bianconero da John Elkhan che lo volle fortemente alla dirigenza del club. Un annuncio a sorpresa quello di Marotta che nasce alla luce di un rapporto ormai compromesso e senza possibilità di essere ricucito con Andrea Agnelli. I rapporti si sono incrinati in estate quando il dg bianconero si vide scavalcato nei suoi piani stravolti dal collega Andrea Paratici  autore dell’operazione che portò alla Juventus il fenomeno Cristiano Ronaldo. Dissapori e incomprensioni vari che alla fine sono usciti fuori con un Marotta irrevocabilmente intenzionato a lasciare il club juventino senza tornare sui suoi passi. La Juventus ovviamente non perde tempo e nel suo stile s’avvantaggia pensando subito al futuro ormai prossimo nell’individuazione di un altro direttore generale. Tanti i nomi che si fanno in queste ore, il più clamoroso e vicino sembra sia quello di Maurizio Arrivabene membro del cda della Juventus dal 2012 attualmente team principal di casa Ferrari. Un nome quello del dirigente Ferrari in queste ore molto caldo, da ritenersi in “Pole Position” per il dopo Marotta.  anche se non è il solo candidato a ricoprire il ruolo in questione. Si parla anche di Pavel Nedved attuale vicepresidente e di Andrea Agnelli ed altri nomi esterni alla dirigenza del club juventino ma che per ora sembrano essere meno papabili alla candidatura.

Leggi anche:  Ziliani contro Maresca: "CR7 non espulso per un calcio in faccia a Cragno, a Ibra rosso diretto per proteste"
  •   
  •  
  •  
  •