Inter, l’incapacità di essere coerente

Pubblicato il autore: Francesco Fiori Segui

Il significato della parola pazza è il seguente: alterazione della pazienza, amante di scherzi e allegria, tendente alla follia. Se si clicca su quella parola su google spunta subito il seguente binomio: Pazza Inter.

Reduce dalla scoppola rimediata contro il Barcellona (che poi batte 5-1 il Real Madrid, non proprio l’ultima squadra del mondo) va in quell’Olimpico che sta diventando terra di conquista, dopo che tanti anni fa lo si associava solo ad uno sciagurato finale di campionato.

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

La Lazio di contro arriva in casa dopo la convincente vittoria contro il Marsiglia in Francia, col morale a mille e pronta per avvicinare i nerazzurri in classifica.

Già alla lettura delle formazioni l’interista ha il primo sussulto, poiché viene rispolverato dal nulla Joao Mario. I meno abituati alla follia esclamano: “Perché Joao è ancora dell’Inter?“, dimenticando che il lusitano è campione d’Europa nella stessa squadra di un certo Ronaldo.
C’è la pioggia dentro Roma, ma l’Inter pare giocare col sole e col sereno, ma siccome di sereno non ha tracce nel dna serve subito la scossa.
Dopo aver deciso il derby è un Icardi carico a mille in Serie A, lesto come un cobra (non Pancev, attaccante macedone soprannominato così) e al primo pallone buono ecco il vantaggio.

Leggi anche:  Brooklyn Nets-Milwaukee Bucks: streaming e diretta tv? Dove vedere gara 7

Icardi non è simbolo di pazzia. Sembrerebbe folle per tatuaggi o compagna sempre al di sopra delle righe ma è l’emblema della concretezza. Dategli un pallone buono e lui segna, perché non è un caso la sua straordinaria statistica realizzativa con i nerazzurri.

Folle è invece Brozovic. Avesse testa e regolarità sarebbe meglio di Modric, ma l’Inter se lo tiene stretto per quello che è: epico. Ma ora attenzione ai troppi complimenti perché l’Inter può sempre passare da anti-Juve a anti-se stessa, involvendo anziché evolvendo, perché altrimenti non sarebbe etichettata come pazza.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: