Lazio-Fiorentina: quella volta che..altra goleada della truppa di Malesani

Pubblicato il autore: massimiliano granato Segui

 

Domenica 10 maggio 1998 va in scena la 32° giornata di serie A. La Fiorentina è guidata da Malesani ed ha divertito l’Italia, con le sue continue goleade: all’Atalanta, al Brescia, al Vicenza, al Lecce. Sempre grandinate di reti quasi senza sosta. Una Viola a trazione offensiva tra Batistuta, Robbiati, Oliveira, Edmundo, Rui Costa e persino Morfeo, in proiezione offensiva. La Lazio è guidata da Eriksson ed annovera elementi validi come Casiraghi, Nedved, Fuser e Roberto Mancini, futuro allenatore viola e attuale commissario Tecnico della Nazionale italiana. La Fiorentina è reduce dal 5-1 interno rifilato al Brescia mentre la Lazio, nell’anticipo del 3 maggio, ha perso a Lecce. Due stati d’animo quindi, visto anche che la Lazio ha perso il 6 maggio la finale di Coppa Uefa con l’Inter. Ma è in arrivo la terza delusione in una settimana per i padroni di casa. Il vantaggio è firmato da Oliveira, che al 12′ si invola sulla fascia sinistra e con un diagonale infila Marchegiani. Poco prima la Lazio aveva invocato il rigore per una spinta del belga su Fuser. Al 24′ arriva lo 0-2: Oliveira fugge sulla sinistra, mette in mezzo per Edmundo che facilmente spinge il pallone in rete. Al 41′ arriva lo 0-3, che di fatto chiude l’incontro: Favalli perde la palla, ne approfitta Batistuta che penetra in area e fulmina il portiere biancoceleste. Trascorre solo un minuto e la Lazio accorcia: spiovente di Nedved, interviene Serena di testa e in elevazione fa..autorete, superando il proprio portiere Toldo. Al 68′ viene espulso Casiraghi per proteste e al 77′ Rui Costa da fuori area sigla il definitivo 4-1 che pone fine alla contesa. La gara  di domenica sarà importante per entrambe le compagini: per la Lazio per uscire da un momento difficile, e per la Fiorentina, per iniziare a fare punti pesanti in trasferta, visto che finora si annovera solo il pareggio per 1-1 in casa della Sampdoria.

Leggi anche:  Juventus, uno tra Dybala e Ronaldo è di troppo: fissati gli incontri per decidere il futuro

 

Domenica 10 Maggio 1998

32° Giornata di serie A

Lazio-Fiorentina                                        1-4 (1-3)

Lazio: Marchegiani, Grandoni, Nesta, Negro, Favalli, Fuser, Venturin (51′ Gottardi), Jugovic (48′ Almeyda), Nedved (81′ Marcolin), R.Mancini, Casiraghi
A disposizione: Ballotta, Domizzi, Di Lello
Allenatore: Eriksson
Fiorentina: Toldo, Tarozzi, Firicano, Padalino, Serena, Cois, Rui Costa (86′ Carta), Amoroso, Edmundo (83′ Morfeo), Batistuta, Oliveira (83′ Robbiati).
A disposizione: Fiori, Bettarini, Kanchelskis, Mirri
Allenatore: Malesani
Arbitro: Farina di Novi Ligure
Marcatori: Oliveira al 12′, Edmundo al 24′, Batistuta al 41′, Serena (aut.)al 42, Rui Costa al 77′.
Ammoniti: Cois, Favalli, Edmundo
Espulsi: Casiraghi
Spettatori: 39.929
Note: cielo sereno, sole e caldo. Temperature intorno i 30°

Leggi anche:  Gasperini e gli insulti all'ispettore antidoping. Ecco i dettagli

 

 

 

  •   
  •  
  •  
  •