Formazioni Polonia-Italia: Mancini si affida al trio Insigne-Berna-Chiesa. Piatek sfida gli azzurri

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Foto Getty Images© per SuperNews

Sale l’attesa per la sfida in programma questa sera, con fischio d’inizio alle ore 20:45, presso la cornice dello stadio “Slaski” di Chorzow, tra i padroni di casa della Polonia e l’Italia. Match valevole per la quarta giornata del girone 3 della Lega A di Nations League,  che vede in testa il Portogallo con 6 punti all’attivo, mentre Polonia e Italia inseguono, a pari merito, a quota 1. L’obiettivo delle nazionali rispettivamente guidate dai c.t. Brzeczek e Mancini è quello di ottenere una vittoria al fine di scongiurare un’amara retrocessione nella Lega B che causerebbe non solo un danno d’immagine, quanto piuttosto metterebbe in salita il cammino delle due compagini in vista delle qualificazioni per l’Europeo del 2020.

La Polonia giunge a quest’appuntamento dopo aver pareggiato 1-1 con l’Italia, lo scorso 7 settembre, ed aver rimediato un ko, giovedì scorso, tra le mura amiche contro il Portogallo. I biancorossi provengono da un Mondiale russo assai deludente, conclusosi con l’eliminazione nella prima fase, motivo per cui Lewandowski e compagni vorranno sovvertire tale trend, ottenendo un risultato di prestigio al cospetto degli azzurri. Sugli scudi Piatek, attaccante del Genoa, che sino ad ora ha siglato 14 reti in stagione: 9 in campionato su sette match disputati, 4 in Coppa Italia ed 1 con la maglia della nazionale del suo Paese, cifre che testimoniano l’ottimo stato di forma di questo calciatore, capace di tramutare in oro tutto ciò che tocca.

Leggi anche:  Juventus, Zidane è sempre più vicino: le ultime dalla Spagna

Gli azzurri, invece, non vincono una gara ufficiale dal 10 ottobre 2017, in occasione della gara di qualificazione per Russia 2018, contro l’Albania. Durante la gestione Mancini, lo score parla di un successo, in amichevole contro l’Arabia Saudita, tre pareggi e due sconfitte. In Nations League, l’Italia non è andata oltre l’1-1, nella prima uscita, contro la Polonia, per poi crollare per 1-0 in terra lusitana di fronte al Portogallo. La voglia di rivalsa da parte degli azzurri è piuttosto elevata, al fine di evitare un altro ko che condizionerebbe, e non poco, il percorso di rinascita della nostra Nazionale.

Spostando il focus sulle probabili formazioni che scenderanno in campo, Mancini dovrebbe confermare per dieci/undicesimi la formazione vista all’opera, mercoledì scorso, nell’amichevole pareggiata 1-1 contro l’Ucraina, ossia: Donnarumma in porta, Bonucci e Chiellini a comporre il duo centrale di difesa, Florenzi terzino destro, Biraghi a sinistra. A centrocampo l’unica novità dovrebbe essere quella di Pellegrini preferito a Barella, con Jorginho e Verratti a completare il reparto. In attacco spazio al tridente atipico composto da Bernadeschi e Chiesa a supporto di Insigne nelle vesti di “falso nueve“.

Leggi anche:  Juventus, uno tra Dybala e Ronaldo è di troppo: fissati gli incontri per decidere il futuro

Il c.t. polacco Brzeczek si affiderà, molto presumibilmente, al 4-4-2: Szczesny tra i pali, Bereszynski a destra, Jedrzejczyk sul fronte mancino. Centralmente spazio al duo Glik-Bednarek. Sulla mediana agiranno Krychowiak e Klich, mentre sugli esterni fiducia a Zielinski e Kurzawa. Il tandem d’attacco sarà formato da Lewandowski e Piatek. L’arbitro designato per dirigere la sfida è lo sloveno Damir Skomina.

  •   
  •  
  •  
  •