Sconcerti: “La Juventus è la più forte ma ha problemi. Inter squadra all’italiana”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Il punto di Sconcerti sull’ottava giornata di campionato. La Juventus ha avuto un inizio di stagione scintillante con dieci vittorie di fila in tutte le competizioni e si appresta a dominare per l’ottava volta di fila la Serie A. Nel suo classico editoriale sulle pagine de Il Corriere della Sera, il giornalista Mario Sconcerti ammette la superiorità dei bianconeri ma lascia aperta una speranza alle avversarie. In particolare si legge nel suo articolo: “Un anno fa la Juve era terza a 5 punti dal Napoli e 3 dall’Inter. Eppure era già la più forte. Oggi la Juve è nettamente la squadra migliore, ha una qualità che ricordo solo in quella di Tardelli-Platini-Rossi-Boniek, ma con un’aderenza più stretta ai valori europei che sono forse per la prima volta dettati proprio da attributi italiani. La Juve è di un’altra storia, un’altra categoria, ma ha problemi. Stava per essere raggiunta dal Napoli in 10 (Callejon), ha il caso Ronaldo, che è destinato a crescere come rumore mondiale, e dove forse ognuno di noi dovrebbe fare un pensierino personale”.

Leggi anche:  Probabili formazioni Inter Cagliari: Sanchez supera Lautaro?

Il giudizio di Sconcerti sull’Inter. Dopo un inizio di stagione disastroso, i nerazzurri sembrano aver ingranato la marcia giusta con sei vittorie di fila tra campionato e coppe. Nel suo editoriale Mario Sconcerti analizza così il momento positivo della squadra di Luciano Spalletti: Intanto l’Inter ha finalmente risolto il suo problema: non è obbligata a giocar bene, è una squadra all’italiana. Le bastava resistere e segnare un gol per differenza di qualità. Credo sia quello che può fare l’Inter. Ha più qualità del 90% delle squadre di A. Le basta resistere e assecondare la partita. La sua complessità di squadra non sarà mai risolta. O ha lentezza o ha disordine. Ma può vincere almeno 23-25 partite solo per semplice superiorità”. 

  •   
  •  
  •  
  •