Walter Zenga al Venezia: “Se dai il massimo, giochi“

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui
VENICE, ITALY - APRIL 27: Sergiu Suciu of Venezia FC celebrates after scoring the opening goal during the serie B match between Venezia FC and US Citta di Palermo at Stadio Pier Luigi Penzo on April 27, 2018 in Venice, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Una settimana di tempo per conoscere il Venezia e per trionfare nel derby veneto contro il Verona per Walter Zenga, ex portiere e stella di inter e Sampdoria, nonché ex allenatore del Crotone lo scorso anno, dove ha mancato la salvezza per un soffio dopo un buonissimo girone di ritorno.

Grinta da vendere per l’ex Inter che cercherà di rimettere in careggiata una squadra che in questo campionato non ha saputo dare il massimo e non è riuscita a capire il gioco di Stefano Vecchi, anch’egli eroe interista con la primavera che ha portato a vincere scudetti, Coppe Italia e trofei di Viareggio.

Non parla del suo predecessore il buon Walter e non promette nulla, per ora, ai tifosi, se non l’impegno in campo:

Leggi anche:  Juventus, uno tra Dybala e Ronaldo è di troppo: fissati gli incontri per decidere il futuro

“Ho bisogno di conoscere i giocatori e vedere se hanno il giusto entusiasmo per giocare. Verona sarà la prima gara di campionato”.

Giorno zero quindi con il Verona, dove Zenga avrà modo di capire chi dà il massimo e dove può arrivare la sua squadra, società che punta alla promozione in A, anche se sarà difficile visto l’avvio non idilliaco in campionato. Per conoscere meglio la realtà veneta, e la serie B che non ha mai conosciuto come allenatore e che ora ha accettato per l’amore che prova verso l’Italia e la grande passione che nutre per rimettersi in gioco e tornare il prima possibile in una serie A che l’hanno scorso ha perso per un soffio:

“Ho perfino annullato il biglietto di ritorno per gli Emirati Arabi per immergermi nel mondo Venezia non vedrò per un po’ mia moglie e i miei figli. Il passato non ci interessa, quella con il Verona ti accomodi in panchina. Con 19 squadre si riduce molto il gap nella serie cadetta, ci sono squadre molto buone e preparate che in questo momento non stanno andando bene, ma che erano partite per vincere. Io devo affidarmi alle conoscenze di Benny Carbone, e alle conoscenze dello staff con cui collaboriamo. Devo anche cercare il più velocemente possibile di capire quale sia la filosofia del campionato di serie B”.

Il presidente del Venezia: “Un orgoglio avere Walter Zenga come tecnico”

Entusiasta, anche per la scossa che sa dare all’ambiente, il presidente del Venezia Joe Tacopina, che spiega che una leggenda come Zenga non può che essere un vanto per la squadra:

Leggi anche:  Florentino Perez presidente del Real Madrid fino al 2025

“Un orgoglio avere Walter Zenga come tecnico, sono convinto che sia la persona migliore che potessimo scegliere per il futuro del Venezia. Veniamo da tre grandi anni, abbiamo iniziato una stagione con passi falsi e quindi abbiamo deciso che non potevamo continuare in questa maniera, che c’era bisogno di portare una sorta di “shock” all’interno dello spogliatoio. Walter Zenga è per molti aspetti simile a me, ieri quando l’ho visto parlare ai ragazzi nello spogliatoio, ho pensato che era esattamente quello che voglio vedere da un allenatore. Non c’era giocatore che non fosse catturato dalle sue parole. E poi ho visto lo stesso atteggiamento anche durante il suo primo allenamento. Avere una leggenda come Walter Zenga come allenatore è un orgoglio”.

  •   
  •  
  •  
  •