Ziliani confessa: “Agnelli ha chiesto il mio licenziamento da Mediaset. Denunciato per aver diffamato la Juventus”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui

Andrea Agnelli – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Ziliani, un personaggio non gradito all’ambiente bianconero. Il giornalista de Il Fatto Quotidiano è da anni protagonista sui social, mostrando spesso e volentieri un atteggiamento ostile nei confronti della Juventus. La polemica sulla figura di Ziliani, non proprio ben vista dalla dirigenza bianconera, fu accennata un po’ di tempo fa dal giornalista Gigi Moncalvo che, in un articolo sul quotidiano La Verità, scrisse: “Paolo Ziliani si vide chiudere dopo cinque anni il programma che curava su “Premium” (“La Tribù del Calcio”, la produzione in assoluto più vista sul quel canale pay) dopo un incontro dell’estate 2014 tra Andrea Agnelli e il neo direttore sport di Mediaset. Quest’ultimo telefonò a Ziliani, in vacanza in montagna, per raccontargli l’accaduto e farsi bello dicendo: “Mi devi il tuo posto di lavoro, visto che non ti licenzierò come mi hanno chiesto di fare”. In realtà chiusero il programma immediatamente e a Ziliani non venne più affidata alcuna mansione”.

Ziliani si sfoga su Il Fatto Quotidiano. Il giornalista ex Mediaset si è confessato in un lungo articolo “Vita da giornalista: 40 anni di querele” tra le pagine del giornale diretto da Marco Travaglio. In particolare, Ziliani scrive senza peli sulla lingua: “Ho chiuso i miei trent’anni a Mediaset messo in un angolo dopo che Andrea Agnelli, un’estate, chiese il mio licenziamento a Claudio Brachino (restai al mio posto, ma venne di colpo chiusa la trasmissione che curavo da 5 anni, La Tribù del Calcio) e vuoi sapere la ciliegina sulla torta? Due giornalisti toscani, tifosi juventini, la primavera scorsa mi hanno denunciato all’Ordine dei Giornalisti (motivo: diffamerei la Juventus) e il Collegio di Disciplina ha discusso il mio ultimo caso nella sua ultima riunione”. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Serie D, Lavello Taranto 2-3: i rossoblù conquistano la promozione in Serie C