Criscitiello: “Inter, Marotta porta scompensi. Non avrei dato un euro a Politano”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui
beppe-marotta-juventus-calciomercato

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Marotta all’Inter, Criscitiello va controcorrente. I nerazzurri stanno vivendo un grandissimo momento di forma con sette vittorie consecutive in campionato e si preparano a mettere a segno un grande colpo dirigenziale con l’arrivo di Beppe Marotta. Il dirigente varesino ha lasciato la Juventus dopo otto anni di successi e, fortemente voluto da Zhang, si appresta ad intraprendere una nuova sfida per la sua carriera. Michele Criscitiello, direttore di Sportitalia, non vede di buon occhio l’arrivo a Milano di Marotta e scrive nel suo editoriale su Tuttomercatoweb: “La squadra c’è, a conferma che Ausilio in estate ha fatto un ottimo lavoro. Piero quando si muove da solo fa sempre buone cose sul mercato, quando gli mettono un tutor o un esterno prende schiaffi non per colpa sua. Adesso, un eventuale arrivo di Marotta porterebbe solo scompensi in un club che, finalmente, forse ha trovato la stabilità che ha preso il posto della follis“.

Leggi anche:  Eriksen: "Sto bene, spero di tornare presto"

Criscitiello elogia Politano. Tra le sorprese liete d’inizio stagione vi è l’ottimo rendimento del calciatore ex Sassuolo che è arrivato in nerazzurro tra lo scetticismo dei tifosi. Nel suo editoriale Criscitiello si esprime così sul giocatore: “Matteo Politano ha avuto un impatto straordinario con una big e si sta meritando l’Inter con i fatti. Bucchi me ne parlava benissimo, come calciatore e uomo, forse queste sue qualità rispecchiano il valore del top player. Perché è quello che sta diventando all’Inter Politano. Un giocatore eccezionale al quale non avrei dato un euro al suo arrivo a Milano. Sì, buon giocatore ma da Samp, Udinese, Torino… nulla di più. Mi sbagliavo. Eccome. Il ragazzo ha grandissime qualità e, se da una parte tutti scommettevano su Verdi top a Napoli e Politano flop a Milano, oggi il mondo è capovolto”.

  •   
  •  
  •  
  •